Napoli, “Vico Fontanelle alla Zabatteria”, la targa toponomastica borbonica dimenticata per strada

Napoli, "vico fontanelle alla Zabatteria", la targa borbonica dimenticata per strada
Napoli, "vico fontanelle alla Zabatteria", la targa borbonica dimenticata per strada
di Antonio Cangiano
Giovedì 29 Settembre 2022, 12:43
2 Minuti di Lettura

Giace a terra da fine agosto, dimenticata ed esposta a pericolo di danneggiamento.

Stiamo parlando della tabella toponomastica di Vico Fontanelle alla Zabatteria, in pieno centro storico a Napoli, risalente all'epoca borbonica, tra le prime realizzate in Italia.

Il caso, è stato segnalato da Carlo Raso, in un post pubblicato sulla pagina Facebook “Napoli e il Mediterraneo”.

Scrive Carlo: «Ho inviato il 14 settembre scorso la seguente mail alla Quarta Municipalità di Napoli, competente per territorio, e specificatamente alla presidenza e all'ufficio delle attività tecniche, allegando la foto qui presente. “Segnalo di aver visto ieri 13 settembre la tabella stradale in lavagna di Vico Fontanelle alla Zabatteria giacente a terra. Mi è stato riferito che è caduta durante un temporale di agosto scorso, senza fortunatamente colpire nessuno, né frantumarsi. Faccio notare che detta tabella e tutte quelle similari in lavagna sono - come scrive Benedetto Croce - del 1784 o 1787, volute da re Ferdinando IV di Borbone insieme a quelle numeriche in ceramica gialla e lilla, visibili ancora in moltissimi edifici della città. Si trattò della prima organizzazione toponomastica visibile attraverso queste scritte in Italia! Purtroppo, negli anni Ottanta del secolo scorso, ignaro di tutto ciò, il Comune di Napoli danneggiò moltissime di queste tabelle STORICHE, collocandovi sopra, con quattro profondi chiodi, quelle moderne in marmo. A suo tempo segnalai lo scempio, senza ottenere - com'è d'uso in questa città - nessun riscontro. Spero che la tabella della Zabatteria sia sottratta al furto o alla distruzione e, semmai, collocata presso codesta municipalità, a memoria del nostro passato e dei nostri primati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA