Natale, Napoli si illumina: arriva l'albero da 25mila euro in piazza Trieste e Trento

Lunedì 2 Dicembre 2019 di Paolo Barbuto

Quando l'intera città sarà illuminata a festa per il Natale, ci saranno poco più di sedici chilometri di strade con disegni di luce, oltre a 14 piazze, un parco pubblico, 5 chiese, la Galleria Umberto e Palazzo San Giacomo: l'investimento totale sarà di 450mila euro compresi 23mila euro destinati alla bolletta della corrente elettrica e 77mila euro di tasse e imposte: servizio affidato a Citelum che ha predisposto un accurato progetto di distribuzione delle luminarie in città. I soldi saranno prelevati dal salvadanaio dell'imposta di Soggiorno che ogni turista ospitato a Napoli riempie con un obolo per ogni giorno di sosta in città.

La porzione più consistente dell'investimento riguarda la predisposizione delle illuminazioni lungo i sedici chilometri di strade cittadine che costerà in totale 237mila euro con una spesa al chilometro che supera abbondantemente i 14mila euro.

Torquato Parisi risponde mentre torna da Zurigo dove è andato a predisporre le luminarie in un museo; è pugliese e la sua azienda è una di quelle ritenute più all'avanguardia nel settore. Accetta con piacere di spiegare come funziona il suo mondo, quello delle luminarie, ma taglia corto sulla cifra spesa al chilometro per l'illuminazione natalizia: «Mi sembra in linea con il mercato. Non conosco i dettagli e non mi sbilancio ma non mi pare un prezzo esagerato per allestimenti luminosi di alta qualità».

LEGGI ANCHE Festa a San Gregorio Armeno: si accendono le luci

Se le centinaia di rami e soggetti luminosi penzolanti lungo le strade assorbono la parte più consistente dell'investimento, ci sono alcuni pezzi ritenuti pregiati per i quali Palazzo San Giacomo ha deciso di spendere un po' in più con la certezza che l'effetto sarà sorprendente e sarà apprezzato da napoletani e turisti. Il gigante è un albero tridimensionale alto sedici metri, fatto di lampadine, che dominerà piazza Trieste e Trento per il periodo festivo e dovrebbe trasformarsi nel simbolo del Natale partenopeo: costerà 25mila euro. Ci sono, poi, anche altri alberi luminosi distribuiti in città, uno anche in Galleria Umberto: dimensioni decisamente più modeste di quello della piazza vicina (sarà alto solo 6 metri) e costo molto più basso anche se pare comunque importante: 10mila euro. Di grande effetto la soffitta luminosa lungo via Toledo per una lunghezza totale di 800 metri, senza interruzione. Quella sola installazione vale 35mila euro.
 

 

Particolare attenzione, ovviamente, è stata riservata alla sede del Comune di Napoli, Palazzo San Giacomo che attualmente viene osservato dalle sculture dei cento lupi e che nei giorni della festa verrà ingentilito da un disegno di fiori luminosi collegati da un drappeggio di lampadine che viene definita ufficialmente installazione artistica ed è stata quotata 15mila euro.

Nella diffusione delle luminarie si è cercato di comprendere anche alcune zone periferiche abitualmente abbandonate da queste iniziative natalizie. Pochi interventi mirati in piazze e chiese a Scampia, Chiaiano, Marianella, San Giovanni, Barra, San Pietro a Patierno: non è previsto granché di luci in quei territori ma almeno il pensiero c'è stato e, vista l'abituale attenzione alle periferie, è già tanto.

Ultimo aggiornamento: 17:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA