Padel a Ponticelli: campetto nel Palavesuvio, si allungano i lavori

Padel a Ponticelli: campetto nel Palavesuvio, si allungano i lavori
di Alessandro Bottone
Mercoledì 1 Dicembre 2021, 20:54
4 Minuti di Lettura

Arriva il padel a Ponticelli. Anche il quartiere nella zona orientale di Napoli avrà uno spazio adatto alla disciplina sportiva che negli ultimi anni coinvolge sempre più persone, non solo giovani. Il campetto sarà realizzato nelle aree esterne del Palavesuvio - il grande impianto sportivo comunale di via Argine - che da diversi mesi sono oggetto di interventi di manutenzione straordinaria finanziati con 727mila euro del 'Piano Strategico' della Città Metropolitana di Napoli.

A volere il campetto di padel è stato l'ex assessore allo sport, Ciro Borriello (oggi consigliere comunale), che, facendo proprie le richieste delle associazioni, a luglio scorso ha chiesto ai tecnici di modificare il progetto già cantierizzato dalla scorsa primavera. In particolare, «chiedeva di valutare la possibilità di realizzare due campi da paddle in alternativa al campo da tennis previsto e una pista di pattinaggio amatoriale». Con la perizia di variante approvata dal Servizio tecnico impianti sportivi del Comune di Napoli è stato deciso di accogliere parzialmente la richiesta dell'esponente dell'ex giunta di Palazzo San Giacomo.

Difatti, sarà realizzato soltanto un campo di padel al post del campo polivalente. Venti per dieci metri, in erba artificiale con intaso in sabbia, il campetto avrà una recinzione in vetro. Invece, l'altro campetto in cemento lascia lascio alla pista di pattinaggio amatoriale. Altresì uno dei due campetti di calcetto attuali sarà trasformato in campo polivalente. La variante al progetto originario riguarda anche altre aree dell'importante bene pubblico di Napoli Est. Innanzitutto, è stato stabilito che l'azienda comunale ABC Napoli realizzerà e curerà l'impianto d'illuminazione nell'area parcheggio interna che sarà appositamente pavimentata (con probabile futuro utilizzo per i veicoli dei dipendenti). Inoltre, si migliora la riqualificazione dei locali intorno all'arena spettacoli: in particolare, si tratta dei camerini e dei bagni nei quali si garantirà maggiore confort e sicurezza.



Negli interventi rientra anche un lavoro non previsto inizialmente: si tratta dello scavo necessario al passaggio del tubo di acqua potabile vista l'impossibilità di utilizzare un lettore già esistente. Altresì l'impresa si è fatta carico di rimuovere rifiuti abbandonati in alcuni spazi da riqualificare, della riparazione di una perdita che provocava cedimenti della pavimentazione e del ripristino del cancello che ha ceduto durante i lavori. Per i lavori previsti dalla variante tecnica, che non comporta aumento dell'importo, sono stati concessi altri sessanta giorni oltre ai centottanta previsti inizialmente. Dunque, per febbraio 2022 gli spazi esterni del Palavesuvio saranno ultimati e riconsegnati ai cittadini dopo anni di abbandono e degrado: al momento non è chiaro se questi saranno a libera fruizione dei residenti o se saranno affidati a qualche realtà sportiva.

Per il Palavesuvio di Ponticelli - le cui palestre sono state riqualificate con le risorse delle Universiadi - esiste un progetto di riqualificazione e gestione presentato da realtà che si occupano di grandi eventi in città. Di recente il Comune ha confermato l'interesse pubblico per lo studio di fattibilità presentato nel 2015. In effetti nella struttura sportiva di via Argine ci sono altre aree da riqualificare: non solo gli spazi verdi e la fontana ma anche l’edificio alle spalle delle palestre - vandalizzato e distrutto, zeppo di rifiuti, ormai inutilizzabile - così come il piano sotterraneo della palestra indoor, la più grande. L’ulteriore sfida è assicurare costantemente pulizia e manutenzione ordinaria e aprire gli spazi al territorio, come avveniva in passato con spettacoli e proiezioni che attiravano migliaia di persone.

Dai campetti all'arena, con nuova illuminazione, bagni e parcheggio, l'impianto sportivo riconquista dignità e appetibilità per ospitare manifestazioni, iniziative e spettacoli. Una sfida che la nuova amministrazione dovrà cogliere già a partire dalle prossime settimane lavorando in anticipo rispetto all'ultimazione dei lavori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA