​Piazza Cavour cambia nome per una notte: via lo statista piemontese, adesso è piazza Totò

Venerdì 2 Ottobre 2020 di Antonio Folle
Piazza Cavour cambia nome per una notte: via lo statista piemontese, adesso è piazza Totò

Quello organizzato nella notte tra mercoledì e giovedì da alcuni meridionalisti è stato un vero e proprio blitz contro l’attuale toponomastica cittadina. La centralissima piazza Cavour per alcune ore si è trasformata in piazza Totò, un “segnale” di come i simboli del risorgimento a Napoli siano sempre meno tollerati. Armati di carta gommata, fogli A4 e colla i volontari hanno coperto le targhe dell’antico largo delle Pigne, oggi “dedicato” allo statista piemontese, con dei cartelli che intitolano la piazza al principe della risata, nato a poche centinaia di metri di distanza, nel rione Sanità.

L’operazione realizzata dai meridionalisti – che hanno preferito mascherare la loro identità – non è la prima del genere realizzata in città. Già alcuni anni fa alcuni gruppi sono entrati in azione per restituire ad alcune importanti strade cittadine gli antichi nomi pre-unitari. Il corso Vittorio Emanuele ritornò così ad essere corso Maria Teresa, piazza Garibaldi ritornò ad essere piazza della Ferrovia e piazza Dante per alcune ore ritornò ad essere il Foro Carolino.
 

Video

«Abbiamo realizzato questa azione – spiegano gli autori del gesto simbolico –  per dimostrare che la memoria è viva e che è arrivato il momento di restituire alle nostre strade i nomi che avevano prima della scellerata conquista del regno delle Due Sicilie da parte dei Piemontesi. Napoli non ha nulla a che vedere con il signor Camillo Benso, conte di Cavour, un piemontese che qui a Napoli non ha mai messo piede, conosciuto dai napoletani dell’epoca solo per le manovre fatte per conquistare un regno pacifico senza dichiarare guerra. Crediamo – proseguono i volontari – che sia molto più giusto intitolare l’antico largo delle Pigne a Totò, un uomo che ha dato lustro alla nostra città in tutto il mondo e che, secondo noi, non è adeguatamente celebrato».

Nonostante l’ora tarda molti cittadini si sono avvicinati per chiedere informazioni e per scattare qualche selfie nella “nuova” piazza Totò. A chi li accusa di aver realizzato un atto vandalico i meridionalisti hanno risposto: «Non c’è alcun atto vandalico, non abbiamo distrutto niente. Il nostro gesto è un gesto puramente dimostrativo. Abbiamo usato colla acrilica che va via con l’acqua e carta gommata. Non abbiamo dipinto niente e ne tantomeno pretendiamo di sostituirci alle istituzioni. Al sindaco de Magistris – la rivendicazione – vogliamo ricordare che per farsi eleggere ha sbandierato più volte la sua napoletanità. Crediamo sia arrivato il momento di fare un gesto coraggioso e cancellare per sempre i nostri conquistatori dalla nostra toponomastica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA