Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Piazza Municipio senza gli alberi? Diventi la location di grandi show»

Sabato 23 Aprile 2022 di Valerio Esca
«Piazza Municipio senza gli alberi? Diventi la location di grandi show»

«Apriamo piazza Municipio ai grandi eventi». La proposta arriva dell'eurodeputato del Pd Andrea Cozzolino, che tenta di squarciare il velo di polemiche che hanno accompagnato l'inaugurazione della nuova piazza. Il modello per Cozzolino deve essere quello «del Festival di Salisburgo», ovvero uno dei più importanti festival di musica classica e opera del mondo e che si tiene tutti gli anni in estate (per cinque settimane da fine luglio a tutto agosto), appunto a Salisburgo in Austria.

«Bisogna lavorare alacremente per pianificare manifestazioni che riempiano la piazza di vita. La nuova piazza Municipio - incalza il parlamentare europeo - è un luogo ideale, per le sue dimensioni, che la collocano tra le piazze più grandi nel mondo, per ospitare grandi appuntamenti culturali di livello internazionale. Dalla musica, alla moda, al cinema all'aperto, un modo per riuscire a mobilitare risorse private e pubbliche. Il ritorno sulla città e sull'intera area metropolitana potrebbe essere enorme». Ne è convinto Cozzolino. Ma non c'è tempo da perdere. «Già per questa estate bisogna darsi l'obiettivo di provare a utilizzare la piazza per eventi serali di grande livello per poi lavorare ad una pianificazione per la prossima stagione. Il percorso archeologico, il porto, il Maschio Angioino, la prossima unione con il molo San Vincenzo possono fare di questa area un punto di sviluppo economico di assoluta rilevanza». Potrebbe essere un centro ideale considerando le fermate della metropolitana, quella in piazza della linea 1, e la vicinanza con la Funicolare centrale e con le linee ferroviarie di Montesanto: Cumana e Metropolitana linea 2. «Credo che proprio per questo - ribadisce Cozzolino - la piazza si candidi ad essere il luogo centrale per eccellenza di tutta la Città metropolitana».

Video

All'indomani dell'inaugurazione di piazza Municipio non sono mancate però le polemiche. Il dito puntato verso Palazzo San Giacomo indica il motivo principale dell'acredine nella mancanza di verde. Sui social nelle ultime settimane sono spuntati meme e caricature rispetto alla piazza. Senza parlare dei paragoni fotografici, di com'era la vecchia piazza Municipio e com'è oggi. «La piazza non è ancora completata ma se si può migliorare questo aspetto va fatto dice l'europarlamentare Pd -. C'è però una sostanziale corrispondenza tra progetto e realizzazione anche su questo punto. In piazza Plebiscito, piazza Navona, in Duomo a Milano non ci sono alberi. Questa è una piazza non un bosco, non ci serve una villa Comunale al quadrato. Ci serve che più che altro che la Villa Comunale sia messa nelle condizioni di essere fruibile e di avere una piazza che possa essere utilizzata da tutti: napoletani e turisti». C'è poi un aspetto più politico della vicenda che Cozzolino sottolinea: «Ciò che colpisce non sono i giudizi legittimamente critici di singoli cittadini. Questi vanno ovviamente rispettati e tenuti nella giusta considerazione. Mi riferisco alle polemiche istituzionali, di chi in tutti questi anni ha avuto accesso a dati, progetti, rendering, che rendevano comprensibile e visibile l'idea di chi ha progettato la nuova piazza, che è esattamente quella che vediamo oggi». La piazza di fatto è divisa in due: perché c'è tutta la parte che si sviluppa sotto, un museo a cielo aperto. La parte archeologica considerata «il gioiello di tutto il progetto ed non ancora visibile». Sarà unica nel suo genere. Inoltre, come anticipato dal Mattino ieri, nella piazza firmata Alvaro Siza ci sarà una sua opera nella parte più vicina al porto: una coppia di muri a forma di L. Rappresentano una porta di accesso al panorama della città. Chi uscirà dal sottopasso verso la Stazione Marittima avrà l'impatto diretto e pieno sul Golfo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA