Ponticelli, borsa di studio per sostenere gli universitari: prima edizione dedicata a Caccioppoli

Mercoledì 15 Settembre 2021 di Alessandro Bottone
Ponticelli, borsa di studio per sostenere gli universitari: prima edizione dedicata a Caccioppoli

Due giovani del quartiere Ponticelli, nella zona orientale di Napoli, sono i vincitori della prima edizione della borsa di studio dedicata a Renato Caccioppoli ideata per offrire un supporto ai neo-diplomati che intendono continuare gli studi all'università. L'iniziativa è stata messa in campo dall'associazione culturale 'Renato Caccioppoli' ed è stata rivolta, in particolare, agli studenti delle classi quinte dell'istituto tecnico 'Marie Curie' di via Argine.

Al premio, del valore di mille euro, avranno accesso i due neo-diplomati che hanno partecipato al concorso indetto dall'istituto con l'obiettivo di lavorare sulla figura del matematico napoletano Renato Caccioppoli così da conoscerne la sua storia e il suo lavoro. «Questa borsa di studio ci permette di ricordare il genio napoletano della matematica ma ancora di più l'uomo libero: neanche la dittatura fascista è riuscita ad intrappolare e condizionarne il pensiero» spiega Antonio Martinelli, presidente dell'associazione Renato Caccioppoli, che evidenzia: «I giovani vanno spronati, incoraggiati e seguiti: questa borsa di studio vuole essere un gesto tangibile di vicinanza ai giovani di Ponticelli».

 

Una azione concreta di sprono per invogliare i giovani a continuare sulla strada dell'impegno, dello studio e della formazione alla quale ha creduto anche la professoressa Gabriella Russo, dirigente scolastico dell'istituto 'Marie Curie', la quale crede che la scuola debba aprirsi al territorio e lavorare con le sue realtà per meglio accompagnare gli studenti nei loro progetti di vita. Il premio, come spiega la preside, è stato vinto da due ragazzi che hanno frequentato l'indirizzo meccanica e meccatronica del Curie di Ponticelli che, da qui a pochi giorni, parteciperanno alle lezioni dei corsi di ingegneria meccanica presso l’Università Federico II. Il lavoro sul personaggio di Caccioppoli è una occasione per allargare gli orizzonti culturali degli studenti e la borsa di studio, già inserita nella programmazione dei prossimi anni scolastici, è una iniziativa con la quale si intende sostenere quella officina di talenti del quartiere Ponticelli che la scuola segue e avvia verso il futuro.

Il premio Caccioppoli nasce dalla sinergia di diverse realtà e persone del territorio che hanno offerto il loro contributo: il presidio Libera Ponticelli, guidato dalla professoressa Dora Gentile; don Enzo Piccinelli della chiesa Beata Vergine di Lourdes e Santa Bernardetta di Ponticelli; lo studente Carlo Fontana; i Senatori Vincenzo Presutto e Sandro Ruotolo. Un lavoro corale tra società civile, associazioni e istituzioni volto ad accompagnare i ragazzi del territorio di Ponticelli alla carriera universitaria in un territorio segnato da allarmanti dati sull'evasione scolastica e sul tasso di dispersione.

La premiazione della prima edizione è in programma per venerdì 17 settembre 2021, alle ore 10, presso l'istituto Marie Curie che questa mattina ha accolto l'Arcivescovo metropolita di Napoli, don Mimmo Battaglia: una visita simbolica per augurare a tutta la platea un buon anno scolastico in presenza dopo i mesi sofferti di lezioni a distanza e interruzioni continue. Oggi, infatti, è stato il primo giorno in classe per gli oltre 850 alunni del Curie di Ponticelli, istituto da sempre particolarmente sensibile ai problemi del territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA