Riapertura scuole a Napoli, il liceo Umberto riapre con ingressi a turno

Venerdì 18 Settembre 2020 di Elena Romanazzi

Il conto alla rovescia questa volta è davvero iniziato per il rientro a scuola il 24 settembre. Ma non tutti hanno comunicato alle famiglie le modalità di avvio dell'anno scolastico, ovvero turni in presenza e da remoto, doppi turni (mattina e pomeriggio), eventuale slittamento possibile soprattutto per le scuole che ospitano i seggi elettorali e che potrebbero avere difficoltà ad effettuare per tempo la sanificazione.

Il liceo Umberto storico classico, guidato da Carlo Antonelli, ha pubblicato il prospetto per il il nuovo anno scolastico. Partenza differenziata. Il 24 entrano tutte le prime e un primo gruppo delle quinte ovvero le sezioni dalla A alla D. Le seconde, le terze e le quarte svolgeranno le lezioni a distanza in sincro. Il 25 sempre le altre sezioni delle prime e il secondo gruppo delle V. Seconde, terze e quarte seguiranno sempre da casa. Antonelli le 51 classi le ha divisie in due gruppi: 26 e 25. Predisponendo la didattica mista, ovvero a distanza e in presenza. Seguendo questo schema come si legge nel documento di programmazione del nuovo anno scolastico: «I due gruppi si alterneranno in presenza durante la settimana: il primo, durante la prima settimana, seguirà le lezioni in presenza i giorni dispari, mentre i giorni pari seguirà le lezioni da remoto; il secondo gruppo seguirà le lezioni in presenza i giorni pari mentre i giorni dispari seguirà le lezioni da remoto. La seconda settimana i due gruppi si invertiranno. Ogni gruppo, e quindi ogni classe, al termine di due settimane avrà seguito lo stesso numero di lezioni in presenza e da remoto». Rigide le regole da rispettare. Ingressi mantenendo il metro di distanza e misurazione della temperatura. La ricreazione sarà in classe, nessuno potrà andare da un'aula all'altra della scuola. In bagno uno per volta e solo in quello del piano dove si trova l'aula. Cambiamento dell'aria per 5 minuti all'interno delle classi al termine di ogni ora e gel sanificanti per le mani. E prima dell'ingresso a scuola ritiro delle mascherine individuali. Il regolamento potrà essere soggetto a modifiche. Ma ora si parte così. Con la sospensione delle assemblee d'istituto degli studenti, i colloqui con i genitori - salvo esigenze decise direttamente dal dirigente scolastico - possono avvenire solo via web.
 

Video

Sulla stessa linee lo storico liceo scientifico Mercalli. Il 24 è il giorno dedicato alle prime. Entrano tutti ma con orari differenziati e scaglionati e lezioni complessive di tre ore. Il secondo blocco è il 25, questa volta entrano le seconde e le quinte. Le altre seguiranno la didattica a distanza. Dal 28 settembre entrano sempre le prime e le altre divisi in gruppi saranno parte in presenza e parte a distanza.

Massima cautela anche al Pansini. Nel liceo che quest'anno vede al comando Daniela Paparella, ex dirigente della Poerio, si ritorna su tre giorni. Il 24 il IV ginnasio e il terzo liceo; il 25 il primo e il secondo liceo e il 26 il V ginnasio e il terzo liceo. Quattro ore al giorno da 60 minuti e turni anche per il pomeriggio. I ragazzi dovranno presentare un'autocertificazione dove si certifica di non essere stati a contatto con positivi al Covid. Senza autocertificazione e mascherina non si entra.

L'istituto comprensivo di Fuorigrotta Cariteo Italico con molta probabilità non aprirà i battenti il 24 e il 25. È stato pubblicato sul sito della scuola la comunicazione che le lezioni potrebbero essere non garantite a causa dello sciopero proclamato da Unicobas e Cub. Se non c'è la docente, infatti, proprio per le misure legate al Covid non possono essere accorpate due classi come avveniva in passato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA