San Gennaro, miracolo laico nel Duomo di Napoli: sale atteso lo scioglimento del sangue

Giovedì 16 Dicembre 2021
Duomo di Napoli

Attesa nel Duomo di Napoli per il prodigio della liquefazione del sangue di San Gennaro, santo patrono della città. Quando alle ore 9 l'abate della cappella del tesoro di San Gennaro, monsignor Vincenzo De Gregorio, ha aperto la cassaforte contenente le reliquie, il sangue all'interno dell'ampolla è apparso ancora solido. Una nuova verifica sarà fatta alla fine della celebrazione della messa.

Quello del 16 dicembre è il terzo miracolo di San Gennaro atteso nel corso dell'anno e avviene, secondo la tradizione, in ricordo dello scampato pericolo della città il 16 dicembre 1631, quando un'eruzione del Vesuvio sarebbe stata fermata dall'esposizione in processione del sangue e del busto di San Gennaro. Il miracolo di dicembre è anche il miracolo laico, perché gestito non dalla chiesa di Napoli e dall'arcivescovo ma direttamente dalla deputazione di San Gennaro, istituzione laica fondata nel 1527 per un voto della città e presieduta dal sindaco di Napoli, e le celebrazioni solitamente avvengono nella cappella di San Gennaro e non sull'altare del Duomo.

Video

Quest'anno però, come già l'anno scorso, la messa sarà celebrata sull'altare per permettere il rispetto del distanziamento tra i fedeli previsto dalle norme anti Covid-19, impossibile da rispettare negli spazi più ridotti della cappella. Il 16 dicembre 2020 il miracolo non è avvenuto, c'è quindi attesa e speranza tra i fedeli perché il prodigio possa ripetersi almeno quest'anno.

Ultimo aggiornamento: 13:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA