Scampia, il disabile in carrozzina taglia il traguardo della maratona

Il giovane Lorenzo in carrozzina
di Giovanni Mauriello

Lungo le strade del quartiere Scampia si è conclusa la prima maratona di 10 km, che ha ricordato il giovane napoletano Ciro Esposito, ucciso quattro anni fa a Roma nel corso di una manifestazione calcistica. Alla vittima della violenza sportiva è stato dedicato un traguardo volante, posto al 5° km.

Tra i trecento atleti che hanno preso parte alla gara, patrocinata dall’ottava Municipalità del Comune di Napoli e organizzata dalla Finanza Sport Campania, anche un giovane diversamente abile di Aversa, che ha partecipato alla competizione con una speciale carrozzina, tagliando il traguardo aiutato dagli amici del team Lorenzo, il sodalizio normanno a lui intitolato.

La corsa è stata vinta da Marco Piccolo (International Security) in 34’32”, mentre tra le donne s’è affermata Ela Stabile (NapoliRun) in 42’45”. Alle premiazioni sono intervenuti rappresentanti del Comune e della Municipalità di Scampia, tra cui l’assessore allo Sport Stefano Di Vaio.
Mercoledì 25 Aprile 2018, 13:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP