Scampia, Jorit completa il murales:
incontro con gli studenti del quartiere

«Angela Davis e Pasolini sono raffigurati come guerrieri. Guerrieri che vogliono abbattere le sbarre di una prigione che è metaforicamente rappresentata dalla periferia. Ma arte e trasporti oggi danno a Scampia un luogo centrale nella città metropolitana di Napoli». Così il presidente dell'Eav Umberto De Gregorio stamane a Scampia, per un incontro con gli studenti in occasione del completamento dei murales da parte di Jorit.

«Jorit ha concluso le sue opere. In realtà mancano alcuni dettagli, ma il colpo d'occhio è emozionante. Ha spiegato a tutti noi ed ai tanti ragazzi presenti il significato che attribuisce all'opera. Poi tutti insieme, mentre Jorit continuava il suo lavoro, siamo andati all'assemblea degli studenti presso l'istituto Vittorio Veneto a poche centinaia di metri dalla nuova piazza».

Tra i temi emersi: un gemellaggio tra la scuola e l'Eav per assistenza sui treni del Campania express; sondaggio web per dare un nome alla piazza; apertura di un centro di prima prevenzione ed assistenza ASL presso un locale EAV sulla piazza come da richiesta della municipalità; possibilità di apertura di un punto Feltrinelli (o altro importante operatore culturale) presso altro locale Eav sulla piazza; un nuovo percorso street art a Scampia ispirato all'opera di Felice Pignataro, fondatore del Gridas. 
Mercoledì 6 Febbraio 2019, 15:51 - Ultimo aggiornamento: 06-02-2019 15:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP