Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il miglior Future Leader under 35 europeo è un giovane ingegnere napoletano

Martedì 14 Giugno 2022
Il miglior Future Leader under 35 europeo è un giovane ingegnere napoletano

È italiano il miglior Future Leader under 35 di tutte le società d' ingegneria d'Europa: lo ha deciso la EFCA (European Engineering Consultancies), la federazione europea di consulenza ingegneristica. 

Il prestigioso premio è stato assegnato a Federico Foria, 32 anni, ingegnere di Pomigliano d'Arco ( Napoli), che porta l'Italia per la prima volta sul gradino più alto del podio del contest svoltosi a Parigi.

Foria è responsabile dell'Area Geotecnica, Geologia e Idraulica nella società di ingegneria civile. Il giovane ingegnere ha presentato le applicazioni di due innovazioni per la digitalizzazione e la sostenibilità per la gestione delle infrastrutture esistenti: Miret ed Archita.

«Si tratta di due progetti di gestione e identificazione del rischio per le frane e le gallerie che abbiamo già applicato su una linea ferroviaria tra la Liguria ed il sud della Francia e che utilizzano nuove tecnologie per automatizzare e rendere più oggettiva la manutenzione e la gestione dell'infrastruttura - spiega Federico Foria - Archita è un veicolo che permette di fare la tac all'infrastruttura con impatto minimo sul traffico e Miret analizza questi dati con modelli digitali multidisciplinari e intelligenza artificiale. Ad esempio, grazie alle foto ad altissima definizione possiamo analizzare immediatamente, in un ambiente integrato, quali sono le eventuali criticità di un'opera. E siamo solo all'inizio, ora stiamo sviluppando i primi indici di rischio per la valutazione dell'impatto del cambiamento climatico sulle infrastrutture di trasporto. Un'applicazione in continuo sviluppo che tende a ridurre e prevedere i pericoli e a tenere in sicurezza le infrastrutture, tutto frutto della ricerca e dell'intelligenza italiana». 

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA