Secondigliano, i ragazzi del quartiere ripuliscono le strade dai rifiuti: «Facciamo crescere il senso civico»

Domenica 24 Ottobre 2021 di Antonio Folle
Secondigliano, i ragazzi del quartiere ripuliscono le strade dai rifiuti: «Facciamo crescere il senso civico»

In un quartiere dove le criticità di Asìa sono evidenti i ragazzi del territorio si rimboccano le maniche e lanciano un segnale di speranza, oltre che una lezione di educazione civica ai tanti incivili della zona. Ieri mattina a Secondigliano i ragazzi del Larsec hanno impugnato sacchi e ramazze e hanno ripulito piazza Luigi di Nocera, una importante piazza del centro storico della città. L'intervento dei giovani volontari è durato quasi l'intera mattinata e ha ripulito la piazzetta che, nei giorni scorsi, aveva suscitato l'indignazione dei cittadini per il pessimo stato in cui versava. In poche ore piazza di Nocera è stata restituita al decoro e tanti adulti si sono uniti ai volontari per dare una mano e, finalmente, non restare più alla finestra ad aspettare che i problemi vengano risolti dalle istituzioni. 

Non è la prima volta che il Laboratorio di Riscossa Secondiglianese dà vita ad iniziative di questo genere. Alcuni mesi fa proprio i volontari del Larsec - che a piazza Luigi di Nocera hanno la loro sede - ripulirono gli spazi, ridipinsero le ringhiere che circondano le aiuole e risistemarono i piccoli spazi verdi che giacevano da mesi in condizioni di vergognoso abbandono. Un lavoro che ha dato i suoi frutti ma che necessita di essere supportato dalle istituzioni che non devono delegare alla sola - meritevole - opera dei volontari il mantenimento del decoro e della pulizia dei quartieri. 

 

«Ieri mattina - ha dichiarato il presidente del Larsec Vincenzo Strino - ci siamo dedicati alla pulizia della piazza visto che l'Asia da queste parti non si vede da mesi. Al netto degli incivili che sporcano e dell'assenza continua di operatori ecologici in zona, il dato molto positivo è che sempre più persone non appartenenti all'associazione partecipano ad eventi di pulizia come questo o all'assemblea pubblica anticamorra di lunedì scorso. È il segno evidente - continua il numero uno del Laboratorio di Riscossa Secondiglianese - che intorno a noi sta crescendo il senso civico e la voglia di dare una risposta chiara a chi vuole male al quartiere. Siamo consapevoli che la Asia viva un momento di enorme difficoltà, ma ci aspettiamo più attenzione nei confronti di quella che è la piazza principale del quartiere da quando esiste Secondigliano». Video

Video

Lunedì scorso il Larsec ha dato vita, proprio a piazza Luigi di Nocera, a una assemblea pubblica nata per parlare dei problemi del quartiere e fornire un assist alle istituzioni comunali e municipali che avranno il duro compito di riportare fiducia proprio in quei ragazzi che, in ogni caso, non si rassegnano a dover andare via per cercare una vita migliore.

In questi anni il Laboratorio di Riscossa Secondiglianese è stato artefice di alcune notevoli iniziative che, in un contesto di grigiore piatto, hanno portato luce e speranza. Emblematiche, da questo punto di vista, le iniziative rivolte ai più giovani e alle famiglie in difficoltà durante la pandemia, un esempio su tutti il doposcuola a distanza e il computer sospeso destinato a quanti non potevano permettersi un pc per seguire le lezioni a distanza. Tutto, Strino e i suoi ci hanno tenuto a ribadirlo più volte, senza chiedere sostegni politici, ma basandosi esclusivamente sull'enorme forza di volontà dei ragazzi del quartiere. Ragazzi che, finalmente, stanno cominciando a riscoprire l'orgoglio di essere napoletani e di vivere in un quartiere dove le difficoltà sono ancora tante ma dove i più giovani stanno diventando artefici di un futuro migliore. 

Ultimo aggiornamento: 21:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA