«Traghetti al molo Beverello», pressing sull'Autorità portuale

di Anna Maria Boniello

Spostare il terminal dei traghetti per le isole maggiori nella zona di levante del porto di Napoli e far ormeggiare invece a Calata Piliero le navi che arrivano e partono da Capri, Ischia e Procida: la proposta degli armatori delle compagnie di navigazione che operano nel golfo viene rilanciata dagli operatori turustici capresi. Ma non solo. Il pressing per una soluzione in grado di superare una volta per tutte i disagi dello sbarco a Calata di Massa - una zona lontana dal centro e considerata anche pericolosa perché buoia e isolata - arriva anche dai residenti delle isole, gli studenti e i lavoratori pendolari che in questo modo si ritroverebbero sullo stesso versante del Molo Beverello, dove ormeggiano gli aliscafi, e soprattutto a poche decine di metri della stazione della metropolitana e nel cuore della città a Piazza Municipio.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 3 Novembre 2018, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP