Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Turisti a Napoli, pronti 16mila euro per il restyling delle paline

Lunedì 16 Maggio 2022 di Gennaro Di Biase
Turisti a Napoli, pronti 16mila euro per il restyling delle paline

L'intero centro storico della Napoli del boom turistico riceverà dalla Regione Campania la stessa cifra destinata, tra gli altri, all'«Associazione Italia Longobardorum, per il sito Longobardi in Italia. Luoghi del Potere chiesa di Santa Sofia a Benevento». Parliamo di 16mila euro più spiccioli, stanziati da Palazzo Santa Lucia per la manutenzione delle paline turistiche, che in città sono centinaia e per lo più completamente disastrate. La Regione ha stabilito che i 100mila euro annuali a disposizione per i cartelli delle info storiche siano suddivisi in «quote uguali tra i sei enti di gestione dei siti Unesco per motivi di efficacia ed equità - come si legge nel verbale della seduta del consiglio del 6 maggio - assegnando a ciascun ente di gestione la somma di euro 16.666,67 per annualità». La decisione è stata ufficializzata dopo un question time presentato dalla consigliera Marì Muscarà.

Senza nulla togliere alla preziosa chiesa di Santa Sofia, i cartelli di Napoli sono in totale emergenza. Lo abbiamo raccontato su queste pagine nel reportage delle settimane scorse: anche nei siti centralissimi e visitati da migliaia di turisti all'ora come Santa chiara, il Mann o le Mura Greche di piazza Bellini, i cartelli sono deturpati e i visitatori si aggirano smarriti alla caccia di informazioni sui monumenti. Tant'è: la decisione è 100 diviso 6. Tanti sono gli enti che gestiscono i siti Unesco in Campania: il Comune di Napoli, il Parco Archeologico di Pompei (con Ercolano e Torre Annunziata), la Reggia di Caserta, il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni (con Paestum e la Certosa di Padula), la Soprintendenza Abap di Salerno e Avellino per la Costiera Amalfitana e l'Associazione Italia Longobardorum per Santa Sofia. «La Direzione Generale - le parole della Regione nel documento della seduta - non evince con chiarezza dalla formulazione della norma indicazioni sui criteri di preferenza nel riparto del fondo, anche in considerazione dell'elevato numero di Comuni che compongono i sei siti Unesco riconosciuti in Campania, in totale 73. In assenza di indicazioni sui criteri da adottare la Direzione Generale ha proposto di suddividere in quote uguali tra i sei enti di gestione dei siti per motivi di efficacia ed equità, assegnando a ciascun ente di gestione la somma di euro 16.666,67 per annualità». 

Video

Il caso paline è già scoppiato. Non è escluso che i siti con cartelli turistici già in buone condizioni possano installare qr-Code. Per Napoli, invece, 16mila euro saranno meno di gocce nell'oceano. «Nel capoluogo, epicentro del turismo regionale, con questi spiccioli non si riuscirà a rifare i cartelli di via Duomo», commenta Antonio Pariante del Comitato Portosalvo. «Dopo 2 anni di interlocuzioni tentate affinché, come prevede la legge, si determinassero criteri di accesso da parte degli enti, la risposta letta dall'assessore Marchiello è stata sbalorditiva. Nella difficoltà di proporre un avviso pubblico si propone salomonicamente di dare 16 mila euro per ogni sito. Ma certi siti non hanno bisogno di manutenzione e altri, come il centro storico, che con 16 mila euro non ci faranno niente. La giunta in quasi due anni non ha operato una ricognizione per valutare le reali necessità di interventi e concentrare fondi, lì dove è necessario. 300 mila euro in tre anni trasformati in micro-interventi. Non è possibile maltrattare in questo modo il patrimonio culturale più invidiato del mondo. Chiederò un incontro con De Luca perché questa situazione possa risolversi in altro modo». 

Ultimo aggiornamento: 17 Maggio, 07:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA