21enne ucciso con una coltellata a Napoli, il dolore della mamma di Lello: «Voglio giustizia per mio figlio»

ARTICOLI CORRELATI
di Andrea Ruberto

5
  • 21708
«Voglio giustizia per mio figlio, era un bravo ragazzo». Non si dà pace Adelaide Porzio, madre di Lello Perinelli, il ragazzo ucciso la scorsa notte a Miano con una coltellata al cuore. In casa con lei parenti e amici a darle sostegno. La donna ci tiene a sottolineare che, nonostante il padre, Giuseppe Perinelli, fosse stato ucciso nel 2003 per una faida di camorra, il figlio Lello non aveva alcun legame con la criminalità organizzata. «Mio figlio amava giocare a calcio e lavorava insieme a me in una ditta di pulizie, chiunque nel quartiere può dirvi che era un angelo». La mamma rivolge anche un appello ai testimoni del litigio avvenuto in discoteca tra Lello Perinelli e quello che poi sarebbe divenuto il suo assassino: «Ragazze, ve lo chiedo come mamma, se avete visto parlate».
 
Domenica 7 Ottobre 2018, 16:06 - Ultimo aggiornamento: 07-10-2018 22:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-10-13 14:17:33
in che brutta città viviamo. Brutta, brutta,brutta.
2018-10-08 10:01:31
appatteneva propito a una bella famiglia che cià scavato la fossa ... bravi bravi.
2018-10-08 07:37:07
Voleva fare come avvisto nei film di gomorra
2018-10-08 01:03:17
Che peccato due vite finite due famiglie distrutte mi dispiace tantissimo e condoglianze alla famiglia perinelli perche esiste tanto male?
2018-10-07 20:43:00
L' omicida si è subito costituito per metterdi in salvo. La famiglia a cui apparteneva la vittima non gli avrebbe dato scampo. Inoltre la madre del ragazzo ucciso vada prima a chiedere giustizia per le vittime fatte dal loro lavoro di camorristi.

QUICKMAP