Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

25 aprile con Mattarella, ad Acerra
parte il restyling del centro

Venerdì 22 Aprile 2022 di Pino Neri
25 aprile con Mattarella, ad Acerra parte il restyling del centro

Restyling nel centro di Acerra grazie alla visita del presidente della Repubblica, che lunedì in occasione della festa della Liberazione omaggerà le 84 vittime civili della strage nazista del 2 ottobre 1943. Intanto, l'arrivo di Sergio Mattarella sta innescando il dibattito sui problemi attuali: su tutti, inquinamento e malattie. Un dramma già sottolineato dal vescovo di Acerra, monsignor Antonio Di Donna, durante l'omelia di Pasqua e in una lettera inviata al Capo dello Stato. L'arrivo di Mattarella è previsto per le 10: sarà accolto dal sindaco Raffaele Lettieri e dai rappresentanti istituzionali, il prefetto Claudio Palomba, il presidente della Regione Vincenzo De Luca, il sindaco metropolitano Gaetano Manfredi, autorità militari e religiose, nell'antico municipio del Castello Baronale. Qui il capo dello Stato, dopo aver salutato la fanfara nell'attigua piazza Castello, terrà il discorso nel salone principale.

Gli accessi alle aree sensibili saranno molto contingentati: tutto il percorso sarà letteralmente blindato fin dalla domenica. È probabile che, come in occasioni simili, lungo il percorso sarà vietata la sosta e i cestini verranno sigillati. Il capo dello Stato si recherà quindi a largo Soriano, parco Gravina, dove c'è la lapide che ricorda le vittime della strage nazista. Una strage rimasta a lungo sottaciuta, dimenticata dagli storici e dalla popolazione.


C'è intanto chi non potrà salutare il presidente lungo le strade di Acerra appena rimesse in sesto per l'occasione. Giovanni, papà acerrano di un bimbo colpito da un linfoma, ha motivato quest'assenza con un messaggio accorato che sta spopolando sui social. «Sono il papà di Giuseppe esordisce Giovanni rivolgendosi idealmente al capo dello Stato - un bambino che ora ha quattro anni e che due anni fa ha dovuto combattere una terribile battaglia contro un linfoma. Il 25 aprile Lei farà visita alla mia città. Purtroppo non sarò presente. Sarò a Roma, all'ospedale pediatrico Bambin Gesù, per una visita programmata per mio figlio».

Video

Giovanni de Laurentis, 44 anni, laureato in filosofia, storico militante della sinistra acerrana, sta combattendo il male con la moglie Maria. Nel messaggio ha ricordato che avrebbero voluto che il piccolo Giuseppe potesse cantare Bella Ciao al presidente, come gli hanno insegnato insieme con i valori della Costituzione.

«Giuseppe aggiunge papà Giovanni - è un bimbo coraggioso. Sa che la Costituzione sancisce il principio del diritto alla salute. Ma ad Acerra purtroppo sono tanti, troppi, i bambini, anche piccolissimi, che si ammalano. Noi siamo fortunati, il decorso della malattia di nostro figlio è ancora lungo, ma siamo sulla buona strada. Qui però in questi anni ci sono stati bimbi che non ce l'hanno fatta». Quindi l'appello: «Caro Presidente, aiuti questi bambini, la nostra terra. Chieda che si faccia chiarezza, che si fermi tutto, che si studi la nostra aria, il nostro sangue, che si individuino responsabili e soluzioni».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA