Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

A Bagnoli torna l'invasione di blatte, i cittadini: «Asl e Comune si rimbalzano le responsabilità»

Martedì 12 Luglio 2022 di Ferdinando Gagliotti
A Bagnoli torna l'invasione di blatte, i cittadini: «Asl e comune si rimbalzano le responsabilità»

Chiunque abbia passato anche solo un giorno della propria vita nel quartiere di Bagnoli, in estate, avrà senza dubbio sperimentato quella camminata irregolare, con passi alternati a saltelli, non dovuta di certo a uno sfizio personale o magari a una passione per qualche danza latinoamericana. Il vero motivo è sempre uno, che torna assieme alla bella stagione: le blatte. Un incubo per gi abitanti di Bagnoli e Fuorigrotta, che vedono questi insetti moltiplicarsi ogni anno. Nessuno è al sicuro: riescono a intrufolarsi nei negozi, nelle abitazioni, sgusciano negli spazi più angusti nonostante la notevole stazza.

Video

I cittadini sono disperati: «A chi dobbiamo rivolgerci? Il Comune dice l’asl, l’asl dice il Comune. Devono mettersi d’accordo e pulire Bagnoli», lamenta una donna in uno dei tanti post di denuncia su Facebook. Un’altra, invece, è alla disperata ricerca di un esperto di disinfestazioni: «Temo che mi abbiano fatto un nido in casa». «Bagnoli, Rione Alto, via Diocleziano, queste zone ne sono piene. E quest’anno sembrano anche più grandi», nota un’ultima.

Effettivamente, di interventi di deblattizzazione ne quartieri della X Municipalità se ne contano diversi. Nel 2021, stando ai dati forniti dal Comune di Napoli, ne sono stati effettuati dodici tra aprile e ottobre, che corrisponde al momento dell'anno in cui questi insetti infestano le strade. Il problema però è tutt’altro che risolto e ormai gli abitanti della zona ci hanno fatto - purtroppo - l’abitudine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA