Pestarono Gaetano, il pm ottiene il giudizio immediato per nove minorenni

di Viviana Lanza

Il 12 gennaio scorso erano in nove contro uno, un branco alla ricerca di un pretesto futile per dare sfogo alla violenza fine a se stessa. Agirono davanti alla metropolitana di Chiaiano. Ridussero Gaetano, uno studente di quindici anni, in gravi condizioni con la milza completamente spappolata. A giugno prossimo saranno già davanti ai giudici del tribunale. Per i nove minorenni accusati di lesioni gravissime, con l'aggravante dei motivi futili e dell'essere stati in tanti contro uno, il pubblico ministero Emilia Galante Sorrentino ha chiesto e ottenuto il giudizio immediato. La prima udienza del processo è fissata per il primo giugno. Troppo evidenti le prove secondo l'accusa, e certe le responsabilità degli aggressori che hanno tra i 13 e i 17 anni. Da circa un mese in sette sono in una comunità e due alla permanenza in casa. Devono rispondere non solo della brutale aggressione a Gaetano, ma anche delle percosse ai due cugini che erano con lui e delle minacce di morte rivolte a una delle vittime che riuscì a fuggire e trovare riparo in un bar. Accadde tutto in un venerdì pomeriggio di pieno inverno.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 20 Marzo 2018, 08:28 - Ultimo aggiornamento: 20-03-2018 09:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP