Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Massa Lubrense, installati i defibrillatori
forniti dalla Città metropolitana di Napoli

Martedì 26 Luglio 2022 di Massimiliano D'Esposito
Defibrillatore a Massa Lubrense

Il Comune di Massa Lubrense, in collaborazione con Auexde, sceglie i luoghi di maggiore affluenza per l’installazione dei Dae forniti dalla Città metropolitana di Napoli. Il sindaco Lorenzo Balducelli ha subito accolto la proposta di convenzione e grazie alla collaborazione dell’istruttore tecnico, Luigi Savarese, il progetto di cardioprotezione ha preso forma. Determinante è stato l'intervento del responsabile della Protezione civile, Rosario Acone e del consigliere delegato, Antonino Esposito che hanno creato un ponte operativo tra il Comune, l’azienda e le strutture destinatarie delle installazioni, snellendo e velocizzando le pratiche tipiche di una gestione pubblica.

La scelta mirata adempie alle direttive programmatiche del governo per la cardioprotezione di tutti i Comuni italiani, che suggerisce l’installazione dei defibrillatori nei luoghi di maggiore affluenza. I punti del territorio scelti per posizionarli sono la Casa Comunale di piazza Vescovado, largo Padre Ludovico da Casoria (nei pressi dell'Ufficio Turistico Comunale) di Sant’Agata sui due Golfi e piazza Santa Croce a Termini.

Il progetto a cui l’amministrazione comunale di Massa Lubrense ha aderito, risponde in maniera fattiva ai numeri inquietanti a livello nazionale sulle complicazioni legate alle malattie cardiovascolari e la necessità di istituire un presidio di immediato intervento in più punti della città.

Il defibrillatore semiautomatico esterno, in dotazione alla comunità, è uno strumento autonomo. Semplicissimo da utilizzare, perché il soccorritore è supportato dalla voce guida che indica i passaggi da compiere. Inoltre, proprio per l’autonomia del defibrillatore nella diagnosi cardiaca, il soccorritore è esente da qualsiasi responsabilità.

Resta di fondamentale importanza la formazione non solo all’utilizzo del defibrillatore ma alle manovre di intervento nella rianimazione cardiopolmonare. Questo stimolo ha portato alla creazione di un corso di formazione fornito da Auexde. Il corso Blsd certificato dalla Regione Campania è stato svolto a cura dell’associazione Carmine Speranza.



Per la particolare ubicazione dei defibrillatori, sono state scelte teche altamente funzionali ed esteticamente gradevoli, oltre alla creazione di pannelli personalizzati, per rendere più visibili i defibrillatori all’interno del territorio cittadino. 

Ultimo aggiornamento: 16:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA