Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Afragola lotta contro la camorra: primo solaio alla Masseria Ferraioli

Martedì 5 Luglio 2022 di Rosaria Rocca
Afragola lotta contro la camorra: primo solaio alla Masseria Ferraioli

Giornata storica ad Afragola per la lotta contro la criminalità organizzata. Un piccolo segnale dal grande valore è partito questa mattina dalla masseria Antonio Esposito Ferraioli, il bene confiscato alla camorra più grande dell’area metropolitana di Napoli. Proprio oggi è stato gettato il primo solaio. L’iniziativa a sostegno della legalità ha avuto man forte dalla Prefettura. 

Dal bene confiscato alla camorra arriva forte il desiderio di cambiamento: «Il finanziamento del Pon Legalità 2014-2020 del Ministero dell'Interno sottoscritto dal Comune a giugno 2018 oggi, dopo la posa della prima pietra a settembre 2021, vede un altro importante passo in avanti. La strada è ancora lunga e tortuosa. Non solo il tema di completare i lavori in tempi accettabili, ma c'è anche l'importantissimo tema del tavolo istituzionale aperto dalla Prefettura di Napoli con il Comune di Afragola, grazie anche al lavoro di pressione del Comitato di Liberazione dalla camorra - Area Nord di Napoli, per elaborare una variante allo svincolo della Napoli-Bari che deve realizzare Ikea e che rischierebbe di porre fine all'esperienza del nostro bene confiscato».

Video

Sull’argomento è intervenuto anche il senatore Sandro Ruotolo: «Di concerto con la prefettura, finalmente i fondi stanziati vengono utilizzati. Ma la strada è ancora lunga perché sui terreni dove 308 famiglie gestiscono gli orti sociali e prima che nascesse il bene confiscato era previsto uno svincolo per l’Ikea». 

Antonio Iazzetta, consigliere comunale e membro del Comitato di Liberazione della camorra Area Nord di Napoli, ha lanciato un appello ai vertici del Municipio: «Siamo in attesa della convocazione della Conferenza dei servizi da parte del prefetto per informare Ikea dell'esistenza della Masseria Ferraioli, visto che nei fatti nel progetto che abbiamo visto non se ne fa cenno. Credo sia giunto il momento che l'amministrazione faccia chiarezza su quali sono le sue intenzioni, anche perché stiamo spendendo soldi pubblici per la ristrutturazione della Masseria e potrebbero essere lavori inutili se poi quell'area verrà stravolta da uno svincolo».

Il Comitato si è rivolto al prefetto chiedendo di intervenire circa la progettazione di una variante allo svincolo che consenta di poter usufruire di questo bene comune.

Ultimo aggiornamento: 16:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA