«Aiutate mio figlio è disabile ma vittima della burocrazia»

di Mariagiovanna Capone

0
  • 21
Marco ha 17 anni e 10 mesi. È un ragazzone alto un metro e ottantacinque, con le mani grandi e il sorriso gioioso. È affetto dalla sindrome di Sotos e ha un ritardo cognitivo per ipossia gestazionale. La sua famiglia si è fatta in quattro per offrirgli la migliore e adeguata assistenza, ma questa estate la ricorderà per sempre come la peggiore. Nelle ultime settimane il ragazzo ha avuto crisi emotive molto violente, per se stesso e per chi provava a calmarlo, e dopo numerosi tentativi farmacologici andati a vuoto la mamma Filomena Galluccio si è scontrata con un paradosso burocratico: il figlio è in una sorta di limbo, non ha più l'età per neuropsichiatria infantile ma nemmeno per psichiatria per adulti.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 8 Agosto 2019, 09:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP