Napoli, arriva il corso per le coppie in dolce attesa all'ospedale Cardarelli

di Melina Chiapparino

Innovazione e avanguardia sono gli aspetti rivoluzionari del corso di accompagnamento alla nascita attivato dall'ospedale Cardarelli. L'iniziativa rivolta ai futuri genitori, ha come principali obiettivi «l'umanizzazione delle cure e l'abbattimento dei tagli cesari» ma in realtà copre un ampio spettro di bisogni che riguardano le future mamme e i papà.

Soprattutto, quello che contraddistingue la programmazione dei 15 appuntamenti gratuiti e rivolti alle coppie in dolce attesa, è la novità in tema di trasmissione di conoscenze, procedure e tecniche. In pratica, durante gli incontri che si svolgeranno in locali di volta in volta diversi all'interno della cittadella sanitaria, medici e specialisti insegneranno tecniche di rilassamento, di respirazione e di tonificazione ma anche strategie per prevenire i disturbi più comuni in gravidanza a cominciare dai problemi posturali. Non solo. La rivoluzione sarà anche l'attenzione rivolta agli aspetti psicologici del partner maschile, all'ascolto del corpo per le future mamme che potranno apprendere posizioni nuove e funzionali, lontane dall'approccio tradizionale, sia per il travaglio che per il parto.

«Si tratta di riportare il momento della nascita alla sua naturalità e fornire alla coppia tutti gli strumenti per prepararsi fisicamente e psicologicamente a questo momento - spiega Claudio Santangelo, direttore dell'unità operativa complessa Ostetricia e Ginecologia - l'obiettivo è sia gestionale affinche si possa incrementare il numero dei parti naturali sia per andare incontro alle mamme e ai papà fornendo maggiore comfort fisico e psicologico».

Il corso di accompagnamento alla nascita che si svolgerà attraverso 15 tappe fino all'ultimo incontro in sala parto che si terrà a dicembre, è stato presentato ufficialmente ieri alla presenza del direttore generale Giuseppe Longo, del direttore amministrativo Maria Maiorino e del direttore sanitario Giuseppe Russo. Ieri pomeriggio alle 15 è partito anche il primo incontro con le 25 coppie partecipanti e la presentazione della numerosa equipe di medici e specialisti coinvolti tra cui Maria Gabriella De Luca, direttrice della terapia intensiva neonatale, Massimo Costa direttore della riabilitazione specialistica, Romolo Villani direttore dell'attività anestesiologica in emergenza, Filomena Grimaldi, capo ostetrica, Anna Stefanelli coordinatrice dell'Ostetricia, Salvatore Paribello coordinatore infermieristico, Nicola Tortorella coordinatore infermieristico della Sala Operatoria di Ostetricia, Angela Muccio coordinatrice infermieristica Nido, Domenico Pennacchio coordinatore fisioterapisti e Giuseppina Piacente presidente dell' Ordine della professione di Ostetricia della Provincia di Napoli. 
Mercoledì 11 Settembre 2019, 12:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP