Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Al Cimitero Casoria-Arzano-Casavatore ritorna il Piano anti-corruzione dopo 9 anni

Sabato 30 Aprile 2022 di Rosaria Rocca
Il cimitero di Casoria-Casavatore ed Arzano

Dopo nove anni, è stato approvato il Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza al Consorzio cimiteriale di Casoria, Casavatore ed Arzano. Mancava dal lontano 2013, ma la svolta è arrivata nell’ultima riunione del consiglio consortile in presenza del presidente Giuseppe Salzano e di Michele Bruno, Angelo Russo, Giuseppe Bianco, Giulia Muto e Luca Galiero. Nel corso della riunione, è stata deliberata la trasmissione del Piano all’assemblea dei sindaci e la pubblicazione sul sito istituzionale dell’Ente. È stato, inoltre, dato mandato al Responsabile della Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza, «di provvedere all'adozione di tutti gli atti conseguenti per garantire l'attuazione delle misure di prevenzione della corruzione e per la trasparenza nel Consorzio». 

Si tratta di un segnale forte lanciato in un territorio che, in particolare negli ultimi mesi, fa i conti con la lotta tra clan locali. Stese, agguati e atti intimidatori hanno preso la scena gettando il panico in tutta la provincia a nord di Napoli. L’obiettivo è quello di garantire la legalità. Sulla stessa lunghezza d’onda vanno inseriti i controlli a tappeto che continuano ad essere effettuati dalle forze dell’ordine nelle zone maggiormente sensibili della provincia. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA