Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il cornetto rischia di sparire da Napoli: 150 licenziamenti all'Algida di Caivano

Venerdì 18 Settembre 2015 di Pino Neri
Lo stabilimento Algida di Caivano
Caivano. E' arrivata la mazzata d'autunno all'occupazione nel Napoletano. La multinazionale Unilever ha infatti annunciato ai sindacati 150 licenziamenti nello stabilimento Algida di Caivano, ubicato in località Pascarola.



Si tratta di una vera batosta per le produzioni e l'occupazione campane in un settore strategico che finora si era contraddistinto per un prodotto caratteristico di questo tessuto economico: il mitico gelato "cornetto". Gelato che è nato proprio qui, a Napoli, e che ha fatto la fortuna di un impianto, quello appunto di Pascarola, cresciuto in maniera notevole negli ultimi trent'anni. Intanto i sindacati si apprestano allo sciopero.



In un comunicato le segreterie di categoria in CGIL, CISL e UIL stigmatizzano il comportamento della multinazionale anglo-olandese e anticipano la volontà di far scendere in lotta i lavoratori. Nella Unilever-Algida di Caivano lavorano tra dipendenti diretti e indotto oltre 1000 addetti.
Ultimo aggiornamento: 15:31