Anm, nuova stangata in arrivo
«Da gennaio biglietto più caro»

di Pierluigi Frattasi

18
  • 534
Ticket di viaggio Anm a 1,20 euro a partire da gennaio. A sei mesi dall’aumento di 10 centesimi del biglietto corsa singola, l’azienda dei trasporti è già pronta a ritoccare le tariffe. L’Anm ha chiesto al Comune di Napoli di procedere subito all’adeguamento, così come prescritto dal piano di risanamento dei conti, che prevede di portare il costo del ticket aziendale a 1,20 nel 2018 e a 1,30 nel 2019. Operazioni che, per partire, dovranno essere recepite in un decreto regionale.

Slitta di due settimane, invece, la vendita dei biglietti a bordo dei bus e nelle stazioni, effettuata direttamente dagli autisti e dagli operatori. Il provvedimento era atteso per ieri. Ma il decreto, fanno sapere da Anm, sarà pubblicato la prossima settimana, probabilmente lunedì, per diventare operativo prima di Natale. Tempo necessario a completare la stampa dei ticket e a distribuire i blocchetti ai dipendenti. Il prezzo a bordo sarà di 1,50 euro: 40 centesimi in più rispetto al costo base. L’azienda procederà a prescindere dall’accordo con i sindacati, che non è arrivato dopo il congelamento del tavolo di trattative. Un ultimo incontro è previsto per questa settimana. La proposta dell’azienda è di lasciare agli autisti tutto il sovrapprezzo (l’84%, al netto solo dell’Iva). Mentre se i sindacati non firmeranno l’accordo, sarà applicato in via unilaterale quanto prevede il contratto nazionale, pari al 50% dell’aggio all’autista per ogni ticket staccato a bordo.

L’azienda, insomma, accelera sulle leve del risanamento. Perdere altri mesi preziosi, questo il ragionamento, rischierebbe di minare la tenuta del piano di riequilibrio. Ogni giorno che passa, infatti, pesa sui bilanci aziendali in termini di minori incassi e risparmi.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 4 Dicembre 2017, 23:02 - Ultimo aggiornamento: 05-12-2017 09:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2017-12-05 21:45:53
non ho problema a dire che al primo mandato ho votato De Magistris perché ho sempre pensato che bisognava dare spazio a nuovi volti e non sempre ai soliti partiti. La cosa che io mi chiedo è come avete fatto a votarlo al secondo... poveri noi.
2017-12-05 19:01:27
IL PULCINELLISMO colpisce ancora.
2017-12-05 17:05:28
Forse si parla dei varchi per handicappati, perché gli abbonati comunque devono obliterare l'abbonamento. Mettendosi, come ho fatto, ai varchi ad osservare, i portoghesi, questi sono ben superiori al 50%. Come volete che un'azienda possa fallire se comunque è sovvenzionata dal danaro pubblico (le nostre tasse) ? E nonostante ciò l'ANM è sull'orlo del fallimento !!
2017-12-05 16:03:19
Il 30 novembre u.s. mi sono dovuto servire del trasporto pubblico napoletano, fermata di via Piave, palina 2350, ore 18.00, alle 19.30 è passato il C33, un'ora e mezza di attesa e poi mi si dice "...lascia l'auto a casa usa i mezzi pubblici...", ma con quale coraggio e con quale coraggio si fanno vedere i controllori (quando si vedono però....) e con quale coraggio il Giggino dice che a Napoli va tutto bene, si vive bene ... ma lui dove campa........, un azienda che ha un servizio così penoso da non potersi paragonare nemmeno a quelli del terzo mondo. PS: inviato email di reclamo per attesa alla ANM e al Sindaco ........risposta 0..............VERGOGNA
2017-12-05 15:04:30
Insomma stanno litigando per decidere chi deve intascare il prezzo del biglietto, se solo l'autista o anche l'azienda. Ma vogliono che paghiamo il biglietto per arricchire qualche autista-sindacalista, o per finanziare l'azienda?

QUICKMAP