Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Area marina protetta di Punta Campanella, 12 multe e inseguimento a tutta velocità

Domenica 7 Agosto 2022 di Ilenia De Rosa
Area marina protetta di Punta Campanella, 12 multe e inseguimento a tutta velocità

Un totale di 28 imbarcazioni controllate, 63 persone identificate e 12 sanzioni elevate: è il risultato dell'attività di controllo svolta dai militari della compagnia dei carabinieri di Sorrento nelle acque dell'Area marina protetta di Punta Campanella. «Sono troppe le barche che circolano nel nostro specchio di mare, molte a velocità non consentite e a poca distanza dalla costa - afferma Alberico Simioli, direttore dell'Area marina protetta - ritengo perciò importantissimo il lavoro che stanno svolgendo le forze dell'ordine». I carabinieri guidati dal maggiore Ivan Iannucci venerdì hanno cominciato la loro attività in mare alle 9, con il battello della compagnia di Sorrento che raggiunge gli 80 chilometri orari e la motovedetta in dotazione a Ischia. Tra lo scoglio del Vervece fino a Li Galli, dal versante sorrentino a quello amalfitano, il mare è stato passato al setaccio; controlli anche dall'alto grazie all'elicottero del nucleo elicotteristi di Pontecagnano. E non sono mancati gli inseguimenti. Due persone a bordo di un motoscafo giallo fiammante, nel notare il gran movimento dei carabinieri nella baia si sono allontanati velocemente, non avendo i documenti in regola. Dietro di loro, a tutta velocità verso Capri, il battello pneumatico dei carabinieri della compagnia di Sorrento a cui è stato difficile sfuggire. I due si sono dovuti arrendere e per loro è scattata una multa salatissima.

Video

Questo e molto altro è emerso durante il servizio organizzato attorno a punta Campanella dai carabinieri sorrentini con l'obiettivo di tutelare l'area marina protetta che fa da spartiacque tra le province di Napoli e Salerno ed evitare comportamenti che potrebbero minacciare il suo ricco ecosistema. Due imbarcazioni sono state multate per noleggio abusivo: a bordo trasportavano turisti senza autorizzazione. Per sei barche invece sono scattate sanzioni perché erano ormeggiate senza alcun rispetto della distanza di sicurezza dalla costa, per altre due perché navigavano sotto costa, a ridosso delle scogliere. Altri diportisti sono stati sanzionati per mancanza di documenti. I servizi continueranno anche nei prossimi giorni. «Sono tornato in questo territorio dopo 20 anni - commenta Simioli - e noto che i problemi sono aumentati. Ma è aumentata anche la sensibilità e l'attenzione da parte delle forze dell'ordine. Me ne rallegro e li ringrazio. È importante difendere il nostro mare e tutelare la salute dei cittadini». 

Ultimo aggiornamento: 8 Agosto, 08:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento