Arzano, la strage sfiorata: faida bis per la droga, un cugino del boss era l’obiettivo dei killer

Giovedì 25 Novembre 2021 di Marco Di Caterino
Arzano, la strage sfiorata: faida bis per la droga, un cugino del boss era l’obiettivo dei killer

Tira una brutta aria ad Arzano. Una città sconvolta, terrorizzata, perché qui si può morire per strada. Perché qui la camorra regola i conti come, dove e quando vuole, anche in presenza di persone innocenti che nulla hanno a che fare con la criminalità organizzata. Strade silenziose e locali semideserti, ieri sera, a 24 ore dalla tentata strage al Roxy Bar di via Solimene, dove due killer hanno sparato all’impazzata. Erano incaricati di...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 11:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA