Attività di volontariato negli uffici della Procura di Napoli, patto con l'associazione finanzieri d'Italia

Giovedì 16 Gennaio 2020
Il procuratore di Napoli Giovanni Melillo e il presidente della sezione napoletana dell'Associazione nazionale finanzieri d'Italia, Augusto Avarone, hanno sottoscritto un protocollo d'intesa per lo svolgimento di attività di volontariato negli uffici della Procura di Napoli. L'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia offre così di prestare, a favore della Procura della Repubblica di Napoli, attività di ausilio al personale amministrativo degli uffici o dei servizi che gestiscono atti non più coperti dal segreto d'indagine; tale ausilio sarà realizzato per il tramite di associati Anfi, disponibili, in modo personale, spontaneo e gratuito, senza fini di lucro, anche indiretto ed esclusivamente per scopi di solidarietà.

«Si tratta - si legge in una nota del Comando regionale Campania della Guardia di Finanza - di un'iniziativa di grande senso del dovere e di volontariato, della quale andare fieri. Per la grande famiglia della Guardia di Finanza, gli appartenenti all'Associazione nazionale finanzieri d'Italia sono i depositari della saggezza e della sapienza, da cui trarre valoroso esempio. I soci delle Sezioni, infatti, conservano e rafforzano i sentimenti di fratellanza e di solidarietà tra i finanzieri in servizio e quelli in congedo, mantenendo vivi, nel culto della memoria delle gloriose tradizioni del Corpo e dell'Associazione stessa, il senso dello Stato, lo spirito di Corpo, lo spirito militare ed il senso dell'onore. Sempre molto impegnati nel sociale, con iniziative di volontariato per finalità di solidarietà, concorrono anche alle attività di protezione civile nell'ambito della sicurezza urbana, assicurando, altresì, collaborazione alle pubbliche Istituzioni, in aderenza alla specificità delle esperienze acquisite in servizio», conclude la nota. © RIPRODUZIONE RISERVATA