Baby gang, De Luca avverte: «A Napoli problema 10 volte più grande che altrove»

«Le baby gang sono anche a Roma e in altre città e sarebbe sbagliato non dirlo ma ancora più sbagliato è avere atteggiamenti auto consolatori o alibi perché a Napoli il problema è dieci volte più grave». Lo ha detto Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, nel corso della sua rubrica su Lira Tv. «Dobbiamo fare delle scelte - ha spiegato il governatore - a cominciare dal contrasto su tutti i piani dei comportamenti al limite dell'illegalità, del caos, dell'intimidazione. Facciamo crescere un clima di ordine e responsabilità, mettendo ai margini quegli spezzoni di società napoletana che pensano di andare avanti con ammuina, intimidazione e prepotenze». De Luca ha sottolineato che bisogna cominciare «dall'emergenza educativa che parte nelle famiglie e prosegue nelle scuole, dove ci sono ragazzi che minacciano gli insegnanti, tirano loro le borse in faccia o danneggiano le loro auto, e i genitori che di fronte ai figli che aggrediscono i docenti vanno a difendere i figli. Si passa poi alla microdelinquenza sui mezzi di trasporto, dove vengono aggrediti pensionati o magari una donna di colore. La Regione finanzia il programma Scuola Viva con 550 scuole, e la formazione secondaria con 7 milioni di euro, le scuole di comunità. Ma lavora anche sull'ordine pubblico, programma collocazione telecamere videosorveglianza e poi c'è il tema della repressione: bisogna adeguare l'età per la punibilità. Un ragazzo capisce benissimo cosa si deve fare o no. Infine mi auguro che trasmissioni televisive sciagurate che determinano fenomeni imitativi vengano ricondotte nella dimensione della responsabilità e verità. Proporre vita a senso unico è un delitto per i giovani, nessuna trasmissione può essere proposta se non dice all'inizio e alla fine che l'unico destino per chi imbocca la strada della violenza organizzata è il carcere o la morte».
Venerdì 19 Gennaio 2018, 17:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-01-19 21:03:40
Ha ragione il sindaco questo giustizialismo non porta a niente .solo una pedagogia istituzionale .industriale.mediatica ( i primi che devono mettersi in discussione) .un sostegno reale alle famiglie ed alla scuola sempre più esautorate e criminalizzate e pure in alcuni territori gli impegni positivi non hanno voce.C' è bisogno del disagio giovanile preconfezionato e spesso costruito da decenni di indifferenza. Questo disagio diventerà un indotto per finanziare associazioni( le buone si salvano da sole), comunit.progettini di recupero.pseudo sostegni alla genitorialità, comunita' alcune veri lager dove si perpetuano violenze nel silenzio di tutti .E se un giorno in questo clima di paura .nel vuoto di una politica culturale e umana,dei ragazzi qualsiasi che camminano in gruppo giocando e vengono scambiati anche loro per baby gang, e senza fare niente possono essere coinvolti nel baratro del pregiudizio e della paura allora forse capiremo che solo la cultura.la scuola(senza usarla solo come slogan demagogico quando serve ),la riforma di internet .i media .la televisione ed i giornali che si impegnano a non seguire audience ma a proporre valori positivi, una politica per il sud non assistenzialista ma nemmeno discriminatoria,una presa di coscienza attraverso la riappropriazione della nostra identità.Una politica che dia voce e dia Delle opportunità .le dinamiche di gruppo della nostra politica spesso ha linguaggi violenti e il linguaggio violento della politica determina spesso la violenza.Bastera' ricordare esempi da Don Milani a Don Bosco e leggere le loro opere per capire che quel tipo di credo pedagogico deve essere un modello per tutte le istituzioni per creare un futuro possibile.
2018-01-19 19:01:06
Cosa centrano queste Statistiche? Allora io rispondo cosi' = a Napoli c'e' piu' gente che altrove La scuola italiana ed il Vostro metodo di Insegnare e' noioso obosolete Informatevi di come funziona il programma didattico di altri paesi esteri Perche' imparare il latino?, una volta alle medie davano un ora di religione lo fate ancora? Non ho gradito di come il Governatore descrive certi napoletani chiamandoli spezzoni ammuina e tutto quanto il resto Lui ha disprezzato ancora una volta la cultura napolenta e tutti I napoletani dicendo queste cose, Ogni societa' ' Ogni tribu', ogni branco animale e persone hanno il buono il debole ed il cattivo. Poi dice la regione qua la regione la , Questi ragazzini nati in una citta' di cemento non hanno mai visto una fattoria, mai visto un orto da raccogliere, non hanno mai visto come si raccoglie l uva come si munge una vacca e brere latte appena munto ( ragazzi il ratte appena bumto e' una vera crema! ) ecco organizzate gite di cultura folkoristica portando in un Bus turistico una sessantina di bambini dai 10 e 15 anni con tutori hanno bisogno di svago la citta' di cemento il caos e traffico non offre nulla a lorostando in strada vedono ladri pusher e prostitute La natura stare in mezzo alla natura aiuta e da serenita' Lei puo' instanziare tutti I soldi che vuole ma se non c'e' la volonta' e l interesse e la leadership il problema ci sara' sempre , Per favore la prossima volta che vuole fare commenti sulla mia citta' non metta il coltello nella piaga I suoi commenti dry risposte da scatolette sotto vuoto e spinte ecco come le trovo le sue frasi Vuote, offensive e senza un filo diretto per un progresso migliore ma sempre offese, ed arroganza.
2018-01-19 18:20:16
sia chiaro che gomorra non crea i mostri gia lo sono di loro

QUICKMAP