Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bacoli, volontari in azione per ripulire
l’arenile di Marina Grande

Giovedì 19 Maggio 2022 di Patrizia Capuano
Marina Grande

Iniziativa ecologica per la pulizia della spiaggia di Marina Grande: i volontari di Legambiente Campi Flegrei hanno rimosso molti rifiuti costituiti in gran parte da plastica e mascherine anti-Covid. Muniti di guanti e sacchetti, con l’aiuto dei componenti del Rotary Campania, hanno setacciato l'arenile alle pendici di Centum Cellae asportando anche polistirolo, retini da pesca, metallo, cassette, lattine, bottiglie.

«Oltre a rimuovere i rifiuti – commenta il vicepresidente di Legambiente Campi Flegrei, Gioacchino Ambrosino Di Miccio - abbiamo effettuato l'indagine Beach Litter, una campagna portata avanti da diversi anni da Legambiente per analizzare le tipologie dei materiali presenti in spiaggia e la loro provenienza». Una procedura ben sperimentata.

«Tra i  più frequenti rimane il polistirolo, i contenitori utilizzati per coltivare i mitili,  plastica usa e getta. Molti i bicchieri, i piatti e le cannucce. Tra i nuovi rifiuti più comuni in spiaggia, ci sono le mascherine. Ringraziamo la collaborazione dei soci del Rotary Campania, che ci hanno aiutato nello svolgimento dell'iniziativa partecipando attivamente alla pulizia e alla classificazione».

Video

I detriti rimossi sono stati suddivisi in grossi sacchi; allo smaltimento provvedono gli operatori della Flegrea Lavoro, la società pubblica che si occupa di igiene urbana e di raccolta differenziata. La zona in cui sono intervenuti i volontari è a margine di un’area protetta per la presenza di reperti archeologici di epoca romana, inabissati sui fondali per il fenomeno del bradisismo. Poco distante, sul molo, c'è la Tomba di Agrippina, odeon di una villa marittima edificata dagli antichi sulla costa.  Alta dunque l’attenzione per la salvaguardia del tratto. L’iniziativa è stata anche occasione per mostrare le varie tipologie di rifiuti e il modo più corretto per poterli differenziare, in modo da ridurne la produzione e l’impatto ambientale. Gli appuntamenti a tutela dell’ambiente marino-costiero, in sinergia con il Comune, proseguiranno nelle prossime settimane: in calendario tappe ecologiche sulla spiaggia del Poggio, sui tratti liberi di Miseno e Miliscola, a Baia. L’intento è di renderli fruibili in sicurezza in vista dell’estate, sensibilizzando i cittadini alla tutela della risorsa mare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA