Bengalese ferito dal branco a Napoli,
spunta l'identikit del capo

di Melina Chiapparino, Leandro Del Gaudio

4
  • 169
Quello più violento indossava una maglia verde, ha i capelli ricci e la carnagione scura. È stato lui a prendere una pietra dal marciapiede, a spaccarla a terra per ricavare un'arma affilata da lanciare al volto di un cittadino bengalese. È lui il capo di un branco di sette o otto ragazzi, tutti giovanissimi: sono napoletani, anche se tra di loro ce n'era uno che parlava spagnolo, probabilmente un amico conosciuto in vacanza o in qualche corso di studio. Sono i primi elementi che emergono dalle indagini sul ferimento del venditore ambulante Roton Kalak, nato 39 anni fa in Bangladesh, con regolare permesso di soggiorno in Italia, brutalmente aggredito da un branco di giovanissimi in via generale Orsini, una strada a ridosso del Lungomare.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 14 Agosto 2019, 09:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-08-14 13:17:17
Essere minorenni non vuol dire essere immuni al carcere, vanno rieducati pesantemente non riportati alle famiglie, lo hanno fatto in passato lo rifaranno in futuro, oggi è toccato al bengalese domani ad un altro, solo per puro divertimento, i 16enni e 17enni di oggi sono persone adulte nella testa e nel fisico visto che a quell'età ci sono soggetti alti e grossi, che possono far davvero male.
2019-08-14 10:58:17
può' capitare a tutti noi, questi delinquenti pensano di essere immuni da conseguenze sfacciata arroganza e disprezzo verso il prossimo.,la galera condanne da adulti,
2019-08-14 10:42:51
solo xche si vede che e un bengalese buono lavoratore se fosse stato una faccia criminale di un algerino o marocchino vedi che nn avrebbero avuto gli attributi per attaccarlo vigliacchi
2019-08-14 09:40:42
Per qualche istante pensiamo ad un extracomunitario che in Italia viene coinvolto in un episodio razzista e violento del genere,e poi racconta la terribile esperienza vissuta nel bel paese,ai propri familiari che vivono in Bangladesh,i Bengalesi come penseranno che siano l'Italia e gli Italiani? Episodi del genere,non ci nobilitano.

QUICKMAP