Bonus edilizi, l'allarme di Unicedil: «Senza marchio CE a rischio le detrazioni fiscali»

Bonus edilizi, l'allarme di Unicedil: «Senza marchio CE a rischio le detrazioni fiscali»
Lunedì 3 Ottobre 2022, 18:26
3 Minuti di Lettura

I numeri sono molto positivi: dal Superbonus 110% al bonus casa 50%, passando per l’Ecobonus, nel 2021 gli interventi per la sostituzione degli infissi si stimano in oltre 2 miliardi di euro con una previsione, in aumento, per quelli in corso nel 2022.

Eppure i consumatori potrebbero rischiare di perdere queste detrazioni fiscali.

Si tratta dell'assenza o la mancanza di documentazione CE relativa agli infissi installati. La marcatura CE denomina un insieme di pratiche obbligatorie per tutti i prodotti per i quali esiste almeno una direttiva comunitaria o un regolamento in proposito che richiedano l'applicazione di un simbolo con le lettere CE, generalmente sul prodotto oggetto di marcatura.

A circa due anni di distanza dall’entrata in vigore dei bonus per l’edilizia, Unicedil, associazione nazionale serramentisti, ha analizzato i punti di forza delle misure agevolative, ma anche quelli da migliorare.

Come spiega Francesco Siervo, presidente Unicedil: «Grazie ai lavori di riqualificazione degli edifici e quelli relativi alla ristrutturazione degli immobili, abbiamo assistito a un importante processo di efficientamento energetico che, considerando i recenti aumenti del prezzo del gas e dell’elettricità, consentirà un notevole risparmio sulla bolletta energetica di casa. Però il quadro normativo sui bonus edilizi deve essere migliorato soprattutto sulla parte legata alla cessione dei crediti fiscali alle banche”.

Video

I committenti possano davvero perdere le detrazioni fiscali in mancanza della documentazione?

«La questione è complessa e implica diverse conseguenze: in primis, in capo agli operatori che a vario titolo sono coinvolti nei lavori e poi per gli stessi committenti. La marcatura CE indica che il prodotto è conforme ai requisiti previsti dalle direttive europee in materia di sicurezza, richieste a tutela del consumatore ed è il principale obbligo normativo del serramentista. Purtroppo, nonostante i controlli degli organi competenti, sono abbastanza frequenti i casi di infissi non marcati CE».

Alessandro Guaglione, vicepresidente Unicedil: «Vogliamo sensibilizzare le imprese e i consumatori sulle norme che regolamentano il mercato e desideriamo fare il punto della situazione affinché tutti gli operatori della filiera possano lavorare con regole certe e trasparenti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA