Botti di Capodanno fuorilegge, due arresti tra Marano a Ercolano: sequestrati 95 kg di fuochi

Martedì 31 Dicembre 2019
Novantacinque chilogrammi di botti illegali sequestrati, 2 arresti ed una persona denunciata. È il bilancio dell'azione di contrasto ai botti illegali dei carabinieri del comando provinciale di Napoli. A Marano i militari hanno arrestato un 32enne per detenzione abusiva di esplosivi ed attentato alla sicurezza pubblica; hanno trovato nella sua abitazione 151 petardi per un peso complessivo di 6 chilogrammi. I botti illegali - che riportano la scritta contraffatta di libera vendita nonostante siano artigianali - erano nascosti in alcune buste poste all'interno della camera da letto.
 

A Ercolano è stato arrestato Salvatore Imperato, 27enne, per detenzione di materiale esplodente, già noto alle forze dell'ordine. L'uomo era in possesso di quasi 9 chilogrammi di botti illegali. I militari hanno notato Imperato con delle grosse buste tra le mani mentre percorreva Via Trieste. Controllato, è stato trovato in possesso di cinque ordigni esplosivi in gergo chiamati «cipolle». Dopo aver trovato gli ordigni, i carabinieri hanno perquisito anche l'automobile dell'uomo parcheggiata nei pressi ed hanno trovato altri 200 ordigni artigianali (cosidetti «rendini»). Sono intervenuti gli artificieri dei carabinieri accertando che le 5 «cipolle» erano sovradimensionate con un notevole quantitativo di esplosivo. L'arrestato è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

LEGGI ANCHE Fermato al Vomero con 204 ordigni artigianali

A Sant'Anastasia i carabinieri hanno trovano 45 chilogrammi di botti illegali nascosti in un'autovettura mentre a Marigliano è stato denunciato un 32enne; nascondeva in casa 35 chilogrammi di botti illegali. I militari hanno trovato nell'abitazione dell'uomo 105 ordigni artigianali e 6 «cipolle» per un peso complessivo di 35 chilogrammi © RIPRODUZIONE RISERVATA