Caccia illegale nel parco Vesuvio, denunciato bracconiere

Sabato 10 Ottobre 2020 di Nello Lauro

Cominciata la stagione della caccia, riecco spuntare i bracconieri anche nel parco Nazionale del Vesuvio. I carabinieri forestali della stazione “Parco” di Ottaviano, coordinati dal colonello Antonio Lamberti, insieme alle Guardie della Lipu, guidate dal coordinatore regionale Giuseppe Salzano, durante un pattugliamento della zona ricadente nel territorio del comune di Somma Vesuviana sono stati attratti dal suono metallico che riproduceva il verso dei tordi: un richiamo elettromagnetico vietato. Gli investigatori si sono fatti guidare dal suono e si sono ritrovati davanti un quarantunenne armato di tutto punto al quale immediatamente è stato intimato l'Alt.  Il bracconiere è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Nola: gli sono anche stati sequestrati il fucile, le munizioni ed il richiamo elettromagnetico.  All'uomo, residente a Somma Vesuviana, sono state comminate sanzioni amministrative per 550 euro per aver esercitato l’attività venatoria in un fondo chiuso, violando il rispetto della distanze dai fabbricati e non avendo marcato il tesserino venatorio. "Un ringraziamento ai militari che operano instancabilmente sul territorio con il loro amore per la natura con grande senso civico" afferma Fabio Procaccini, delegato Lipu di Napoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA