Caivano, task force in area campo rom:
raffica di denunce per reati ambientali

Giovedì 15 Luglio 2021
Caivano, task force in area campo rom: raffica di denunce per reati ambientali

A seguito degli ultimi incontri tecnici svoltisi nei giorni scorsi e secondo le direttive stabilite dall’Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania nell’ambito della Terra dei Fuochi si è svolta un’operazione di controllo straordinario contro lo sversamento illecito e sulla prevenzione di roghi nel comune di Caivano.

Il giorno 14 luglio si è svolta a Caivano, all’interno e nelle aree circostanti dei campi rom, ubicati rispettivamente in via Clanio e Parco Verde, un’operazione interforze di 2° livello integrata dalle forze di polizia impiegando 4 equipaggi dell’Esercito, 3 equipaggi delle Forze di Polizia, 1 equipaggio della Polizia Municipale per un totale di 20 unità interforze e 7 unità dei Servizi Sociali del Comune di Caivano.

Video

Nel dettaglio la composizione delle pattuglie interforze comprendeva: il Raggruppamento Campania dell’Esercito su base Reggimento Cavalleggeri “Guide” (19°), la Polizia Municipale di Caivano, i Carabinieri di Caivano, la Guardia di Finanza di Frattamaggiore, la Polizia di Stato di Afragola.

Durante l’attività le forze congiunte erano disposte sul terreno come segue: una pattuglia dei Carabinieri congiuntamente ad una pattuglia dell’Esercito hanno effettuato posti di controllo e sicurezza dell’area di operazione; una pattuglia della Guardia di Finanza congiuntamente ad una pattuglia dell’Esercito hanno effettuato posti di controllo, nello specifico controllo agli autoveicoli furgonati; una pattuglia della Polizia di Stato ha effettuato sicurezza e controllo al dispositivo nonché dell’area di operazione; una pattuglia della Polizia Municipale congiuntamente ad una pattuglia dell’Esercito hanno effettuato posti di controllo e sicurezza all’interno dei campi rom, mentre un team composto da sette unità dei Servizi Sociali del Comune di Caivano, effettuavano il censimento della popolazione rom all’interno dei campi sopracitati, censendo 90 adulti e 40 minori.

A fine attività i risultati operativi sono stati i seguenti: 43 persone identificate, di cui 14 denunciate e 2 sanzionate, rei di illeciti ambientali, e 39 veicoli controllati di cui 2 sanzionati e 10 sequestrati.

Le attività si inquadrano nelle azioni di “secondo livello” (cioè operate da pattuglie congiunte dall’Esercito e dai corpi di Polizia municipale o metropolitana) che si aggiungono ai settimanali Action Day, sotto il coordinamento delle Prefetture di Napoli e Caserta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA