Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incendio a Caivano, controlli Arpac: nessun aumento significativo diossine

Sabato 25 Giugno 2022
Incendio a Caivano, controlli Arpac: nessun aumento significativo diossine

A seguito dell'incendio che si è sviluppato venerdì 24 giugno alle spalle del campo rom di Caivano (località Cinquevie), i tecnici Arpac del dipartimento di Napoli hanno installato un campionatore per il monitoraggio delle diossine disperse in atmosfera a circa 200 metri in linea d'aria dall'epicentro del rogo. A un primo sopralluogo, i tecnici hanno osservato che le fiamme hanno coinvolto autovetture, stoffe, guaine, frigoriferi, gomme, olio motore e materiale plastico utilizzato in edilizia.

Nelle ore successive all'incendio non si sono riscontrati aumenti significativi delle concentrazioni degli inquinanti monitorati attraverso le stazioni fisse della rete di monitoraggio della qualità dell'aria e il laboratorio mobile già attivato la scorsa settimana. Il 18 giugno infatti un altro incendio aveva coinvolto un deposito di automezzi sempre nel comune di Caivano per il quale si è proceduto al monitoraggio delle diossine disperse in atmosfera attraverso un campionatore e al monitoraggio di inquinanti quali benzene, tolue

© RIPRODUZIONE RISERVATA