Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

A Calvizzano le panchine targate Napoli: la villa che omaggia il calcio napoletano

Mercoledì 3 Agosto 2022
A Calvizzano le panchine targate Napoli: la villa che omaggia il calcio napoletano

Si tingono di azzurro le panchine della villetta dedicata a Don Peppino Cerullo nel comune di Calvizzano. Il comune della provincia di Napoli è già conosciuto per le particolari installazioni nei vari punti del paese, ma questa volta ha voluto stupire i cittadini omaggiando i grandi volti del calcio napoletano. Troviamo figure come Careca, Hamsik, Cavani e Mertens, tutti personaggi che hanno portato grandi gioie alla città di Napoli, alla sua squadra ed a tutti i tifosi dal cuore azzurro. «Calvizzano non dimentica chi ha fatto sognare milioni di napoletani, in tutto il mondo. Calvizzano ricorderà sempre chi ci ha fatto vivere momenti calcistici unici. La villa diventerà un luogo «sacro» per tutta la comunità calvizzanese e tutti i tifosi napoletani». 

Sono queste le parole che il sindaco Giacomo Pirozzi ha espresso in un post su Facebook, volendo presentare in anteprima le immagini delle nuove panchine.Annuncia inoltre che il comune di Calvizzano non ha intenzione di far cessare le novità in arrivo, ma ben presto verrà costruito un qualcosa di unico per onorare il «El Pibe de Oro», l'indiscusso re del calcio, Diego Armando Maradona. Al centro della villetta ed esattamente al fianco delle panchine dedicate ai suoi colleghi, si innalzerà una grande statua raffigurante proprio Maradona, il fuoriclasse argentino che ha emozionato milioni di tifosi in tutto il mondo.

Ultimo aggiornamento: 18:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA