Killer del clan di Pianura in diretta social dal carcere: «Si parla anche di compravendita di bambini»

Killer del clan di Pianura in diretta social dal carcere: «Si parla anche di compravendita di bambini»
Mercoledì 5 Ottobre 2022, 11:17 - Ultimo agg. 12:10
3 Minuti di Lettura

Maurizio Legnante, detto ‘o talebano, è detenuto in carcere per l’omicidio di Raffaele Pisa, il 32enne ucciso a Napoli, nel quartiere Pianura, il 13 dicembre 2016. Pisa, che poi è risultato essere innocente ed estraneo ai meccanismi di clan, è stato ucciso per motivi legati alla faida di Pianura. 

Nonostante il carcere Legnante continua a utilizzare il cellulare e i social mostrando pubblicamente i video-colloqui con la propria compagna. La scoperta è stata fatta da una cittadina che si è rivolta al giornalista Pino Grazioli e al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

«È un personaggio di Pianura che è in carcere per l'omicidio di Raffaele Pisa. Se non erro, nel carcere di Catania. Ha a disposizione un cellulare con il quale pubblica su TikTok i colloqui con la moglie la quale spesso passa il telefono ad altri personaggi del quartiere e poi mi è stato confermato da una mia amica che lavora come domestica proprio in casa della donna» denuncia il consigliere.

«Ci sono anche dei video dove c'è un bambino di colore che la moglie di Legnante avrebbe preso da una ragazza di colore in cambio di soldi, ma senza nessuna autorizzazione. Infatti una sera il bambino non so per quale motivo lo hanno portato al Santobono per un ricovero ma lo stesso ospedale poi si è rifiutato di riaffidare il bambino alla donna e ha chiamato gli assistenti sociali. Io so ora che la moglie di Legnante sta facendo di tutto per riportare quel bambino a casa sua, dove ci sono altri 2-3 ragazzini che da quello che mi dicono sarebbero utilizzati per lo spaccio».

«Come per la vicenda di Asti, abbiamo deciso di chiedere conferme e delucidazioni. Bisogna avviare un'indagine per scoprire come sia possibile che un assassino, un camorrista, possa utilizzare un cellulare all’interno di un carcere. Anche sulla questione del bambino va fatta chiarezza. Sarebbe estremamente grave», ha dichiarato Borrelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA