Camorra a Napoli, resta in cella la «madrina» Licciardi; il Riesame dice no alla scarcerazione

Giovedì 9 Settembre 2021 di Leandro Del Gaudio
Camorra a Napoli, resta in cella la «madrina» Licciardi; il Riesame dice no alla scarcerazione

Regge l’inchiesta a carico di Maria Licciardi. Il Tribunale del Riesame ha rigettato la richiesta di revoca della misura cautelare e ha così confermato gli arresti per la presunta madrina di Secondigliano. Associazione camorristica e estorsione sono le accuse ipotizzate dai pm Carrano, Loreto e Serio, al termine di una indagine della Procura di Gianni Melillo.

Decisive le intercettazioni e le verifiche condotte nei mesi scorsi dal Ros del colonnello Andrea Manti. Difesa dai penalisti Claudio Davino e Eduardo Cardillo, la donna - che ha 70 anni - si dice pronta a dimostrare la estraneità alle accuse di essere la reggente della alleanza di Secondigliano.

Video

 

Ultimo aggiornamento: 10 Settembre, 07:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA