Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Camorra a Napoli, la moglie del reggente di Secondigliano: ​«Se si pente ci sporchiamo la faccia»

Lunedì 14 Marzo 2022
Camorra a Napoli, la moglie del reggente di Secondigliano: «Se si pente ci sporchiamo la faccia»

«Vuol dire che doveva andare così, non possiamo fare niente per cambiarlo, ma sicuramente non possiamo sporcarci la faccia, almeno quella ce la vogliamo tenere pulita». A parlare è Maddalena Imperatore, ora 39enne, moglie di Roberto Manganiello, reggente del clan di Gennaro e Gaetano Marino, vertici dell'omonimo clan delle «Case Celesti» di Secondigliano, in quanto loro nipote, intercettata dalla polizia giudiziaria nel settembre 2016 mentre parla con la suocera, Lorenza Marino, dopo un colloquio in carcere con il marito.

La donna è sconvolta: Roberto Manganiello (arrestato proprio nel 2016 dopo un periodo di latitanza) le ha infatti comunicato che intende ammettere le sue responsabilità circa i reati che la Procura antimafia di Napoli gli contesta. E lei preferisce conservare la sua posizione in seno al clan piuttosto che lo sconto di pena per il marito («...voglio restare pure altri dieci anni dì più sola io però voglio stare pulita, o no? ... tra venti e trenta che li cambia...»). La conversazione è contenuta nell'ordinanza con la quale il Tribunale del Riesame di Napoli ha rigettato la richiesta di arresto per associazione mafiosa di Immacolata Rispoli, detta Tina, vedova del boss Gaetano Marino.

LEGGI ANCHE Tony Colombo e Tina Rispoli, casa e auto sotto sequestro a Napoli: riciclaggio con metodo mafioso

Per i giudici quel colloquio con la suocera dimostra che la donna speri, scrivono i giudici «...che il marito ritorni sulla sua scelta, afferma di 'voler continuare a sognarè, dove il suo 'sognò consiste nel continuare ad essere rispettata e ammirata dai sodali del clan. Spera che il marito opti per una scelta diversa, e di conseguenza per condanna molto più severa - piuttosto che patire l'onta di un pentimento, continuando ad essere rispettata e ammirata dai sodali del clan». «...Io se devo farmi io vita mia da sola, senza di te me la voglio fare per una motivazione, per una cosa buona, - dice ancora la donna - non che poi deve essere pure criticate e devo essere pure derisa, perchè un domani i miei figli si fanno grandi..., i figli miei un domani sì fanno grandi e i figli miei non devono poter mai dire: 'papà ma che hai fatto? Ma che hai dello? Ma che hai combinato?'...».

© RIPRODUZIONE RISERVATA