Capo Miseno, fatti brillare ordigni
della seconda guerra mondiale

Sabato 3 Ottobre 2020 di Patrizia Capuano
brillamento ordigni

Nello specchio d'acqua antistante Capo Miseno, a Bacoli, sono state effettuate operazioni di brillamento di ordigni bellici rinvenuti nelle scorse settimane sui fondali della Spiaggia Romana. L'intervento è stato eseguito in sicurezza, ad un miglio dalla costa e lontano dalle rotte dei traghetti, dagli esperti del Nucleo Sdai (Servizio difesa antimezzi insidiosi) della Marina Militare. Intanto l'Ufficio circondariale marittimo di Pozzuoli, con un'ordinanza firmata dal comandante Cosimo Pichierri, ha temporaneamente interdetto il tratto marino in cui è avvenuto il disinnesco.

LEGGI ANCHE «Inno borbonico di Paisiello? No, è del barone Pisani»

I palombari del Nucleo Sdai di Napoli, dopo aver eseguito un sopralluogo, hanno provveduto a mettere in sicurezza i congegni bellici prima di procedere al brillamento. Un intervento che ha impegnato anche gli uomini della locale guardia costiera. Ma non è un caso isolato. I fondali flegrei periodicamente restituiscono ordigni risalenti alla seconda guerra mondiale: proiettili, bombe da mortaio, cluster puntualmente fatti brillare da artificieri specializzati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA