Nigeriani massacrati con mazze e bastoni per la gestione della piazza di spaccio: arrestato 32enne

Venerdì 3 Luglio 2020

Secondo arresto nell'ambito delle indagini sull'aggressione ai danni di persone di origine nigeriana avvenuta a Casandrino lo scorso 28 giugno per questioni verosimilmente riconducibili allo spaccio di droga. I Carabinieri della stazione di Grumo Nevano hanno arrestato questa notte, su disposizione del Tribunale di Napoli Nord a seguito della richiesta della Procura aversana,  il 32enne N. R., di Sant'Antimo, già noto alle forze dell'ordine.

LEGGI ANCHE Poggiomarino, nessuna sicurezza in cantieri edili: denunciati 3 imprenditori

Il provvedimento del Tribunale è scaturito a seguito delle indagini svolte dai carabinieri della stazione di Grumo Nevano coordinati dalla Procura: il 32enne è ritenuto gravemente responsabile di tentato omicidio e lesioni personali aggravate insieme al complice F.I, 31enne di Casandrino, già sottoposto a fermo il 28 giugno scorso.
I fatti risalgono alla notte del 28 giugno, quando i due uomini avrebbero aggredito con mazze e bastoni dei nigeriani, secondo gli investigatori per vicende legate allo spaccio di droga. Il 32enne arrestato, che fino a questa notte si era reso irreperibile, è stato portato in carcere.

Ultimo aggiornamento: 13:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA