Cascina sequestrata al clan Cuccaro data alle fiamme nel Napoletano

Il rogo di via Manzoni
di Francesco De Sio

  • 12
Il bagliore del fuoco torna a illuminare la notte di San Giorgio a Cremano. La scia dei raid incendiari delle ultime settimane non si placa e, dopo le auto, colpisce ora anche i fabbricati. E' il caso di una cascina di legno situata all'interno del parco di via Manzoni, a due passi dal Palaveliero e dall'istituto scolastico Gianni Rodari, divorata dalle fiamme ieri attorno alle 22. L'intervento dei vigili del fuoco di Ponticelli ha fatto sì che il rogo si estinguesse in poco meno di un'ora, senza danni per le strutture limitrofe e soprattutto senza feriti. Un'ottima notizia, vista l'altissima densità abitativa della zona e la portata dell'incendio.

I caschi rossi hanno certificato la natura dolosa dell'evento. Circostanza quanto meno sospetta se si analizza la storia recente dei circa 50mila metri quadrati dell'area denominata «Terra Felix», sequestrata dalla magistratura per abusivismo edilizio e legata - pare - ad esponenti del clan Cuccaro, i quali avrebbero voluto farne un agriturismo. A seguito del rigetto dei ricorsi presentati dalla stessa famiglia contro l'affissione dei sigilli, pochi mesi fa l'appezzamento è stato assegnato al Comune di San Giorgio, che si è attivato per bandire una manifestazione di interesse al fine di utilizzarlo come grande orto civico. In quest'ottica, appena 4 giorni fa, il sindaco Giorgio Zinno e l'assessore al Patrimonio Ida Sannino si erano recati sul posto per un sopralluogo straordinario. Ieri sera il rogo di origine dolosa.

Su questi elementi lavorano gli agenti di polizia del commissariato di via Rosa, intervenuti in via Manzoni assieme ai vigili del fuoco per i primi rilevamenti del caso. Non è ancora chiaro se l'ipotesi della ritorsione contro l'Ente possa essere in qualche modo ricollegata anche all'ondata di incursioni incendiarie che negli ultimi giorni ha messo in ginocchio il commercio locale. Dal Municipio, comunque, filtra la voglia di andare avanti per la propria strada: «Se qualcuno pensa che con azioni del genere si possa minare l'operato di un'amministrazione improntata da sempre sulla legalità - ha dichiarato l'assessore Sannino -, sappia che si sbaglia, noi non ci fermeremo. Chi crede di poter giocare su simili vicende, non è evidentemente in grado di comprendere la portata di certe azioni per la città».
Sabato 13 Aprile 2019, 17:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP