Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Castellammare, minaccia l'ex: «Ti uccido, non ho paura del carcere», arrestato

Martedì 14 Giugno 2022 di Dario Sautto
Castellammare, minaccia l'ex: «Ti uccido, non ho paura del carcere», arrestato

Torna a casa dell'ex nonostante il divieto di avvicinamento, trancia i cavi di internet e la minaccia di morte: «Tanto non ho paura del carcere». E proprio in carcere è finito questa mattina L.A., 41 anni, ex marito violento di Castellammare di Stabia. A chiusura delle indagini condotte dai poliziotti del commissariato stabiese e coordinate dalla Procura di Torre Annunziata, il gip del tribunale oplontino ha applicato il codice rosso e firmato un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per il 41enne, accusato di maltrattamenti in famiglia, tentata estorsione e lesioni personali aggravate. Diverse aggressioni erano avvenute in passato, tanto da indurre la vittima «in uno stato di sofferenza morale e psichica tale da renderne la vita impossibile» come scrive in una nota il procuratore Nunzio Fragliasso.

Due gli episodi clou. Lo scorso 27 aprile, quando il 41enne avrebbe aggredito l'ormai ex moglie, con la quale conviveva nonostante la separazione avvenuta da tempo. L'uomo voleva soldi per l'acquisto di stupefacenti e per questo avrebbe aggredito la sua ex a colpi di stampella e con acqua e candeggina. Allontanato da casa con un provvedimento del giudice, il 10 giugno avrebbe fatto ritorno a casa. Prima avrebbe cercato di entrare nell'abitazione della vittima e successivamente sarebbe salito sul tetto dello stabile per tranciare i cavi di collegamento a internet, minacciando di morte la donna: «Non ti darò pace, ti ucciderò. Tanto non mi fa paura il carcere». Da questa mattina è in una cella del carcere di Poggioreale in attesa dell'interrogatorio di garanzia durante il quale potrà difendersi dalle pesanti accuse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA