Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Castellammare di Stabia, ruba una borsa e uno zaino da un'auto in sosta: arrestato

Martedì 1 Febbraio 2022
Castellammare di Stabia, ruba una borsa e uno zaino da un'auto in sosta: arrestato

Si allontana dall'auto per riempire alcune bottiglie di acqua alle fonti di Castellammare di Stabia. Al ritorno nota che dalla vettura sono stati rubati una borsa e uno zaino contenenti documenti e soldi.

Grazie alle immagini degli impianti di videosorveglianza la polizia riesce a risalire all'identità del ladro e a catturarlo.

Questa mattina gli agenti del commissariato di Castellammare di Stabia hanno dato esecuzione ad un'ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina, nei confronti di G.F. (queste le iniziali dell'arrestato) accusato di furto.

Video

L'attività d'indagine ha preso il via alla denuncia sporta dalla vittima che alla polizia aveva raccontato come lo scorso 8 gennaio, dopo aver parcheggiato la sua autovettura sul ciglio della strada nei pressi della fonte dell'Acqua della Madonna, si era allontanato per riempire delle bottiglie. Al ritorno aveva constatato come fossero stati portati via dall'abitacolo una borsa femminile ed uno zaino maschile di ingente valore, contenenti denaro, documenti, carte di credito, telefono cellulare ed effetti personali. Gli oggetti erano stati sottratti prelevandoli dal finestrino lato guida del veicolo lasciato inavvertitamente aperto.

L'attività investigativa, grazie ai filmati tratti da un sistema di videosorveglianza presente sul posto, ha consentito di ricostruire la dinamica dei fatti, recuperare parte della refurtiva nell'immediatezza e identificare il presunto responsabile del furto. Quest'ultimo, dopo le formalità di rito, è stato portato nel carcere napoletano di Poggioreale dove è a disposizione dell'autorità giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA