Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cavi tranciati per rubare il rame:
le strade di Marano restano al buio

Lunedì 4 Luglio 2022 di Ferdinando Bocchetti
Cavi tranciati per rubare il rame: le strade di Marano restano al buio

Migliaia di cittadini ancora costretti a convivere con la crisi idrica e ora anche con le strade al buio. L'ennesima razzia di cavi elettrici in rame, tranciati e rubati dai tombini di via Padreterno, ha mandato in tilt anche buona parte dell'impianto di pubblica illuminazione in parte della periferia cittadina. È il terzo furto di cavi elettrici in un mese e mezzo. Via Padreterno, strada che congiunge il centro di Marano alla popolosa frazione di San Rocco, è una delle tantissime arterie non coperte da sistemi di videosorveglianza. Non ci sono telecamere del Comune e nemmeno esercizi commerciali da cui attingere immagini per incastrare i ladri, che ormai hanno gioco facile in questa e in altre zone del territorio. Hanno agito di notte, come nelle altre circostanze, impiegando diversi minuti per calarsi nei tombini e rubare l'ultima parte di rame non ancora razziata nelle precedenti incursioni. Un epilogo che era stato dato per scontato da diversi residenti, che da tempo sollecitano controlli notturni e l'installazione delle telecamere di videosorveglianza.
«Una parte della strada - spiega Flora, una delle residenti di via Padreterno che da tempo si batte per il potenziamento dei servizi di sicurezza - era già al buio dalla metà di marzo, ma ora hanno completato l'opera. Via Padreterno, ma in generale l'intera città, è ormai terra di nessuno. Marano è diventata invivibile sotto tutti i punti di vista».


Oltre ai furti, alle strade in condizioni pietose, devastate da buche e perdite d'acqua, a tenere banco - naturalmente - è la questione idrica. Quindicimila (forse anche di più) cittadini sono ancora alle prese con i rubinetti a secco o con l'acqua che arriva, quando tutto fila per il verso giusto, soltanto nelle ore notturne. Le proteste, attraverso flash mob, denunce all'autorità giudiziaria e commenti al vetriolo sulle pagine dei social network, sono all'ordine del giorno. Il Comune, dopo settimane all'insegna delle polemiche, ha individuato i fondi per rimettere in sesto la rete idrica, ma i tempi per l'esecuzione dei lavori si preannunciano lunghi.

Video


Domani in municipio, per interloquire con i commissari alla guida dell'Ente, faranno capolino anche due consiglieri regionali: Francesco Emilio Borrelli e Pasquale Di Fenza. «A Marano - scrivono in una nota congiunta i rappresentanti del consesso regionale - bisogna intervenire presto per risolvere l'emergenza idrica che ancora oggi penalizza migliaia di cittadini. La Regione si è fatta finora parte dirigente sostenendo la commissione prefettizia con uomini e mezzi della Sma Campania e della Protezione Civile, che hanno aiutato i residenti fornendo acqua con le autobotti. Ma siamo insoddisfatti - aggiungono - per come è stata gestita finora la situazione dalla triade ed è chiaro che non si può andare avanti così. Chiediamo ai commissari un impegno quotidiano per trovare subito soluzioni definitive al problema».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA