Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Censimento nelle carceri: in Campania mille detenuti in più della capienza massima

Mercoledì 27 Aprile 2022
Censimento nelle carceri: in Campania mille detenuti in più della capienza massima

Nelle carceri campane ci sono circa mille detenuti in più rispetto a quella che sarebbe la capienza fissata. Al 31 dicembre del 2021 sono 6747 i detenuti nelle carceri campane a fronte dei 6420 censiti nell'anno precedente. Il dato è stato illustrato in occasione della presentazione del rapporto annuale sullo stato degli Istituti di pena campani realizzato dall'Ufficio del Garante regionale per i diritti delle persone private della libertà personale.

Della platea il 32 per cento è in attesa di giudizio, il 65 per cento deve scontare una condanna definitiva e il 3 per cento accede al regime di semilibertà. I numeri riferiti dal garante regionale, Samuele Ciambriello, dicono anche che lo scorso anno sono stati 1189 gli atti di autolesionismo, 829 gli scioperi della fame o della sete, 3425 le infrazioni disciplinari, 6 i suicidi (9 nell'anno precedente) e 155 i tentativi di suicidio. «Non c'è stata una strage - ha affermato Ciambriello - soltanto grazie al pronto intervento degli agenti di polizia penitenziaria e i suicidi che purtroppo si sono verificati hanno riguardato per lo più detenuti giovani in attesa di giudizio».

Video

Nel corso del 2021 all'ufficio del garante sono pervenute 696 richieste di intervento. «Nel nostro operato - ha sottolineato il garante - ho sempre ritenuto di fondamentale importanza il dialogo tra il Garante e le Amministrazioni. Il nostro obiettivo è la tutela dei diritti dei detenuti che perseguiamo attraverso progettualità, accordi, protocolli d'intesa, convenzioni con realtà presenti sul territorio che migliorano l'esecuzione penale con l'intento di favorire l'inclusione e il reinserimento sociale delle persone detenute». Anche le carceri campane sono state segnate dal covid nel 2021. Negli istituti di pena campani è stato registrato quasi il 90% dei vaccinati tra detenuti e personale. A Poggioreale sono stati effettuati 4mila tamponi, 148 su personale. I detenuti risultati positivi al covid sono stati 200 di cui 30 con sintomi, 4 i ricoveri esterni. Nel carcere di Secondigliano invece sono stati 3mila i tamponi, 193 i detenuti positivi, 5 le visite esterne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA