Centro produzione Rai, Cgil: «Servono nuove assunzioni per rilanciare struttura»

«Solo nell’ultimo anno sono uscite 16 risorse, a causa degli esodi incentivati e dei prepensionamenti, senza essere sostituite»

La scritta all'ingresso della sede Rai
La scritta all'ingresso della sede Rai
di Valerio Esca
Venerdì 18 Novembre 2022, 16:03 - Ultimo agg. 16:06
2 Minuti di Lettura

«Servono nuove assunzioni nel prossimo triennio per il rilancio del centro di produzione Rai di Napoli». Scendono in campo i sindacati per chiedere rinforzi nella struttura del centro produzione di via Marconi a Fuorigrotta. A lanciare l'allarme è Gianluca Daniele, segretario generale Slc Cgil Napoli: «Solo nell’ultimo anno, a causa degli esodi incentivati e dei prepensionamenti - dice - sono uscite 16 risorse senza essere sostituite, riducendo ulteriormente l’organico. Senza nuovi ingressi, il centro di produzione Rai di Napoli rischia la morte, arrecando un danno irreparabile alla nostra regione».

«È un tema molto importante - aggiunge il sindacalista - Per ridare centralità alla Rai di Napoli sono necessarie nuove produzioni, transizione digitale e percorsi formativi. Sono questi i presupposti per realizzare il rilancio, sul quale vanno necessariamente coinvolte le istituzioni locali, il Comune e la Regione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA