Endocrinochirurgia, esperti mondiali a Castel dell'Ovo

Endocrinochirurgia, esperti mondiali a Castel dell'Ovo
di Marisa La Penna
Mercoledì 3 Giugno 2015, 17:19 - Ultimo agg. 17:20
2 Minuti di Lettura
Inizierà domani, a Castel dell’Ovo, l’XI Congresso Nazionale del Club delle Unità di Endocrinochirurgia. La cerimonia inaugurale si svolgerà alle 18. Circa 500 i congressisti provenienti dalle principali scuole chirurgiche nazionali. L’evento sarà presieduto da Giovanni Docimo, professore associato di Chirurgia presso la Seconda Università di Napoli ed Maurizio De Palma Direttore del Dipartimento di Chirurgia presso l’Ospedale Cardarelli di Napoli. Interverranno Raimondo Pasquino, presidente del Consiglio Comunale, Nicoletti prorettore della Seconda Università di Napoli, i Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere della Sun e Cardarelli, Di Mauro e Caputo, il presidente della Società Italiana di Chirurgia, Franco Corcione, il direttore generale dell’Arsan, Angelo Montemarano, il presidente dell’Ordine dei Medici, Silvestro Scotti, il presidente della Camera di Commercio, Maurizio Maddaloni.



Attualità, innovazione e risultati della chirurgia tradizionale e mini invasiva nelle patologie di interesse chirurgico degli organi endocrini: tiroide e paratiroide, mammella, surrene, obesità, pancreas. Le sessioni prevederanno un confronto intenso sui risultati e sulle tecniche chirurgiche innovative e miniinvasive degli organi endocrini. Si analizzeranno i dettagli di tecnica chirurgica che possono portare al raggiungimento dei migliori risultati, ci saranno sessioni video, letture magistrali.



Numerosi i temi che verranno trattati. Giovanni Docimo, presidente del Congresso e Responsabile dell’Unità Dipartimentale presso la Seconda Università di Napoli, spiega: «Avremo a confronto in questi giorni i più qualificati esperti della chirurgia endocrina. In tema di qualificazione e di informazione ai pazienti saranno presentati i centri chirurgici che in Italia hanno superato l’accreditamento presso la nostra Società. Ciò è stato possibile solo per i Centri che abbiano certificato degli standard di qualità in termini di attività chirurgica, di ridotte complicanze, di innovazione tecnologica. Questi Centri sono già consultabili e disponibili sul sito www.clubdelleuec.it alla voce Elenco delle UEC. In altre parole il Club ha certificato la qualità delle prestazioni erogate dando un “bollino” di qualità visibile a chiunque».
© RIPRODUZIONE RISERVATA