Choc sul Vesuvio: muore turista olandese di 51 anni

Sabato 19 Settembre 2020 di ​Francesca Mari

É arrivato fino in cima, ha visitato il cratere e ammirato la bellezza del paesaggio che si staglia di fronte ai visitatori da quell’altezza. Poi non ce l’ha fatta, scendendo dal Gran Cono si è accasciato al suolo e ha cominciato ad avere difficoltà respiratorie; dopo mezz’ora di soccorsi è morto. Choc a quota mille questa mattina quando un turista olandese di soli 51 anni è morto, verosimilmente, per infarto. Era in vacanza in Campania con la moglie, erano arrivati a bordo di un camper e finalmente erano arrivati a visitare il vulcano più famoso del mondo. Ma ora il camper è parcheggiato a quota 800 e da ciò che riferiscono alcuni testimoni la donna rimasta vedova non sa come andare via.
 


«É accaduto attorno alle 13-spiega Paolo Cappelli, neo presidente del Presidio Permanente Vulcano Vesuvio- quando il turista, mentre scendeva dal cratere, si è improvvisamente sentito male: aveva problemi respiratori. È stato soccorso da Roberto Addeo, ex presidente e appartenente al Soccorso Alpino e portato a quota mille con l’auto d’emergenza. Arrivati qui è stato assistito, ma poi ha perso i sensi. È stato soccorso con il defibrillatore ben 5 volte, ma nulla. Poi é arrivata l’ambulanza con il medico che pure ha privato con la rianimazione, ma non c’è stato nulla da fare, dopo oltre 25 minuti di manovre, il medico non ha potuto che constatarne il decesso. La moglie ci ha riferito che aveva dolore alla spalla da tre giorni, al 99% è morto di arresto cardiaco. Ho detto alle guide di prestare massima assistenza alla donna».

© RIPRODUZIONE RISERVATA